username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Autunno, una panchina nel parco

Come foglie mosse dal vento
le parole si posano sul cuore
di chi è pronto ad ascoltarle.

Come onde agitate dal mare
le emozioni travolgono
chi immobile le attende a riva.

Come pioggia di fine estate
le lacrime rigano il volto
di chi col naso all'insù attende
che torni a sorgere il sole.

L'autunno è la panchina nel parco
dove si siede chi ha il coraggio
di lasciarsi alle spalle
il calore certo dell'estate,
è il sostegno per chi ha la forza
di affrontare la pioggia e il freddo
senza il timore di intorpidirsi.

È per chi si sa sedere senza
aver fretta di rialzarsi e lì
resta nell'attesa che un nuovo sole
torni a splendere alto nel cielo,
pronto a riscaldare giornate di
rinnovata vita e felicità.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • giorgio giorgi il 16/02/2013 08:38
    È importante, ha ragione, saper sedersi senza fretta di rialzarsi ed anche rimanere ad aspettare che il sole sorga ancora.
  • Andrea Zotta il 23/11/2009 16:47
    Metafore molto belle.
    Brava complimenti.
  • Donato Delfin8 il 05/11/2009 23:25
    belle immagini ma troppo prosastica.
  • Minalouche TS Elliot il 04/11/2009 09:55
    Un altra opera gradevole, introspettiva che si intreccia con l'autunno, mi piace il paragone con la panchina, sicuramente più originale di molte altre.
  • terry Deleo il 31/10/2009 09:00
    Come una foglia d'autunno mossa dal vento sono pronta anch'io a leggere i tuoi versi:mi hai donato affascinanti emozioni.
    Stupenda.
  • VINCENZO ROCCIOLO il 31/10/2009 00:32
    È una descrizione molto bella dell'autunno, paragonato alla panchina che sta nel parco, lì in attesa. E questo dà il senso della stagione di mezzo, del caldo alle spalle e del freddo che sta per arrivare.
    Molto ben scritta. Apprezzata.
  • Fabio Mancini il 30/10/2009 19:06
    Scorrevole, ma senza sussulti.
  • Anonimo il 30/10/2009 13:37
    Passo dopo passo, il nostro Cammino; attraversando nebbie, pioggie e freddo, il calore del sole, poi, sarà linfa vitale. Qualche sosta su di una panchina, quando la strada sembra smarrita, aiuta la ricerca del sé... e il Sole tornerà a splendere con rinnovata energia, con rinnovata gioia. Positiva, interiore, profonda poesia.
  • Massimo Tusa il 30/10/2009 11:14
    Belle le similitudini e bellissima l'ottimistica chiusa.
    Ciao
    Max
  • una primula il 30/10/2009 09:40
    Bello il confronto con la panchina del parco
  • loretta margherita citarei il 28/10/2009 21:41
    apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0