PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Malincunìa

Cherè stà malincunìa
che rìnto à stù còre sé cunnulià ògne juòrno?

Ammòre mije rimmèll'tu,
pecché stù còre n'fùnno è pure o tuoje.

E me strègn' ò còre,
sèmpe cchiù,
còmme à 'nà mòrza.

Ma cherè stà malincunìa?
Ammore mije rimmèll tu.

Pecché sta malincunìa ènfame
se zucà pùre chillo gràmmo e cuntentèzza
chè me ràje tu!


*****

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Donato Delfin8 il 13/11/2009 10:29
    Piaciuta
  • Jurjevic Marina il 13/11/2009 09:48
    Mi piace, con tutta la malinconia, sento una gran bella dosi di passione
  • Veronica Crispino il 13/11/2009 09:41
    Scusatemi ma ho dovuto collocare la traduzione dei versi qui nella sezione commenti, la redazione non mi fa pubblicare la traduzione accanto alla poesia.
  • Veronica Crispino il 13/11/2009 09:29
    TRADUZIONE:


    Che cos'è questa malinconia
    Che dentro a questo cuore si culla ogni giorno?
    Amore mio dimmelo tu,
    perché questo cuore in fondo è anche il tuo.

    E mi stringe il cuore,
    sempre più,
    come una morsa (o anche come una tenaglia).

    Che cos'è questa malinconia?
    Amore mio dimmelo tu.

    Perché questa malinconia infame
    si succhia anche quel grammo di felicità
    che tu mi dai.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0