username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Abbandono

Lasciami scorgere tra le pieghe
del tuo vestito un colore
che mi conforti,
un tepore che asciughi
le mie indicibili passioni,
un punto che mi rallegri.
Lascia che sia io a toccarti per primo,
che sia io a nascondermi,
e ad essere trovato.
Non tu.
Non pensare più a niente,
non serve pensare,
non è mai servito.
Ascolta solo il ritmo dei miei sensi,
piangi pure se vuoi, però senza gridare.
A volte è bello essere da soli,
a volte è peggio.
Non ci vogliamo deludere,
e non ci deluderemo,
non temere.
Lascia che ritorni, un giorno,
aprimi la porta,
se ti dirò, domani, d'averne voglia,
ci potremo fare solo del bene, io e te.
Ma forse tu vuoi che ti reciti
nuovi versi d'amore,
cosi, per ingannare il tempo,
per non lasciarti troppo a lungo da sola,
prima che il mio andare ritorni.
No, non rido,
penseresti che voglia prenderti in giro,
bastonarti come un animale
che deve essere punito.
Ti sistemo la gonna, passo le mani
lungo le pieghe del tuo abitino,
e ti ridòno al mondo,
all'incrollabile tua fede,
e al tuo destino.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • FRANCESCA LOSANO il 15/11/2009 21:21
    È scritta da un uomo, si vede. Un uomo che abbandona, egoista, freddo e distaccato. Io so, tu ascolti e impari. Vera nella rabbia che mi ha fatto provare. Complimenti
  • Anonimo il 14/11/2009 16:02
    Scritta molto bene, con tono delicato, ma colpisce nel profondo. Insieme i due amanti hanno condiviso tutto, le lacrime, la gioia, i sorrisi, i battiti del cuore, lui cerca tra le pieghe dell'abito una sensazione, un colore che ancora renda possibile e riaccenda la scintilla dell'amore, che permetta di nuovo la simbiosi di anime. E'triste l'abbandono, la fuga di lui dall'amore idealizzato, lui forse ne ha paura, non è forte abbastanza e quindi gioca a nascondino con le sue emozioni, non per cattiveria, ma per paura di scoprirsi vulnerabile e fragile. È comunque molto dolce il fatto che rimangano aperte le porte della speranza e di un possibile ritorno, forse sottolineato dalla ripresa del motivo dell'abito. Complimenti, ciao
  • Anonimo il 14/11/2009 00:58
    Io ti desidero, sono i miei sensi che ti desiderano ma tu vuoi di più e allora ti lascio libera di continuare a credere nell'amore, ma io non sono qui per questo!!!
  • giusi boccuni il 13/11/2009 21:56
    una poesia può essere interpretata in tanti modi, il modo in cui io ho percepito la tua non parla nè di amanti nè di trasgressioni, ma solo dell'ìnevitabile separazione dopo ogni unione intima, che ci fa sentire di essere tutt'uno con l'altro, di possedere l'altro, ma poi ognuno ritorna in sè e lascia l'altro alla sua soggettività. Dalla simbiosi all'individuazione, continue fusioni, continui abbandoni, per crescere.
  • lisa masi il 13/11/2009 18:23
    in questa posia parli di due amanti in modo semplice ma non banale, hai colto l'essenza del bello sul tradimento e questa non è cosa da poco, bravo Salvatore come sempre molto bravo e grazie per aver chiesto il mio giudizio
  • Roberta R. il 13/11/2009 16:50
    Bellissima!
  • loretta margherita citarei il 13/11/2009 16:24
    molto bella hai un sentimento notevole per scrivere l'amorr
  • Emy Puccini il 13/11/2009 14:26
    Bravo! È davvero molto bella. Non ti nascondo che mi ha anche emozionata: -... Lasciami che ritorni un giorno...-. È una "cosa"che vivo:vorrei che il mio amore tornasse..
  • Kartika Blue il 13/11/2009 14:10
    ti dico solo... meravigliosa!!!
  • virginia poggi il 13/11/2009 12:41
    è una sensuale descrizione di amanti, non meramente fisica, piuttosto intellettuale e spirituale... giochi di partenze e ritorni, sospiri concessi o negati e soffocati, speranze, unione per condividere... insomma tutto ciò che è amore ma dipinto in modo discreto, quasi sussurrato ma non per questo debole... io ho pensato al vestito come metafora della libertà di amare... toglierlo è concessione, condivisione;sistemarlo è abbandono... poesia bella, vera, non banale e soprattutto non volgare... bravo salvo
  • Anonimo il 13/11/2009 12:27
    Netto il contrasto tra un amore che dovrebbe o vorrebbe finire, descrizione fedele in quello che scrivi, ma si avverte come la voglia di voler aspettare, e tu lo dici, forse ti sei stancato di questa storia, vorresti prendere ancora tempo, gli dici di piangere se vuoi, ma senza fare rumore per non ferirti, forse una punta di egoismo. Da un altro punto di vista non vuoi più scrivere FALSE storie d'amore perchè non rispecchierebbero la realtà.
    Se tutto quello che ho scritto corrisponde alla realtà, taglia senza aspettare... non servirebbe... se ho capito male hai guadagnato 3 crediti. Ciao Salvo bella opera in ogni caso
  • Anonimo il 13/11/2009 12:07
    .. quando l'amore si racconta e' questo.. abbandonarsi..
    bravo.. complimenti..
  • Anna Maria Russo il 13/11/2009 12:00
    molto bella.. come si fa a smettere di pensare.. piangere serve a sfogarsi e i versi servono non per ingannare il tempo ma per sentirsi meglio.. da conservare un abbraccio
  • francesca cuccia il 13/11/2009 11:54
    Ciao Salvo la tue poesia e stupenda le parole delicate ma, dirette ad un bel concetto di ridare la liberta a chi non vuola la vita che desidera l'altro.
    Piangere serve e anche gridare avvolte molti solo cosi possono sentire, scritta benissimo molto bravo.
  • giampaolo marcialis il 13/11/2009 10:50
    Bellissima, Salvatore. Poesia molto delicata. Voto : bellissima, come sempre. Sensazioni forti.
  • I. mpersonale F. ottuta-mente il 13/11/2009 10:49
    Parli di un incontro d'amore con una capacità di carpire il più piccolo dettaglio sentimentale che ha dell'incredibile!! Mi è piaciuta davvero molto, soprattutto perché da essa emerge una capacità di controllo e di riflessione su tutto, su qualsiasi dettaglio che evidenzia la scelta razionale dell'amore. Significa che riesci ad abbattere il timore o la vergogna ai quali i sentimenti si accompagnano, cioè che riesci ad abbandonarti all'amore. Sembra un paradosso ma è così che funziona:ci si concede alla passione grazie alla ragione (secondo me)! I sentimenti da soli sono allo stato brado e generano confusione. La ragione(che dobbiamo amare perché questo ci resta da fare in questa vita)ne è invece l'allevatrice che permette alla passione di crescere e quindi vivere!. Bravo!! ciao ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0