PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'impressione singola

Sguazzo veloce nella notte,
tra vie buie e scoscese
con ai bordi della strade
pattumiere ambulanti e cariche
di sporcizia umana.
Entro in un parcheggio,
e l'unica luce che intravedo,
è quella di una macchina, in lontananza.
Cammino sempre di più, e il tempo passa,
come se stessi cercando qualcosa,
per strada, dentro me, nel cielo.
Sono un lupo, escluso dal branco, cacciato,
a caccia di altri rinnegati.
Ma continuo a deludermi di essere sempre
solo, in ogni circostanza,
anche quando sono nella vita più sfrenata.
La scricchiolio di una porta
aleggia nell'aria.
Una casa, un bar in verità,
con altri spiriti notturni,
vincenti da come si atteggiano,
e da come parlano,
da come si vestono e sorridono.
Una mandria fallimentare di gioventù,
uno schifo per l'intelletto, il gusto,
la sana e pura libertà d'intenti.
Senza dubbio, penseranno la stessa cosa di me,
che rapace scorro davanti ai loro occhi vitrei.
La mia fuga è immediata, e nell'andare
un soffio di vento sprona i rami di alberi secolari
napoleonici, vittoriosi.
La natura inventata da loro, è ritratto osceno
specchio limpido di un ruscello
dove l'ipocrisia è messa in scena,
senza riguardi e remore.
Mortale è la serenità che scorre
copiosa nella vene degli inventati,
anzi dei costruiti,
meccanici corpi spurgo
e trasudanti di sangue schiavo.
La testa è solo il vaso dei capelli,
niente di più, niente di meno.
Con la coda dell'occhio
riconosco sagome conosciute,
personaggio con cui ho vissuto,
tradimento esistenziale attivo e compiuto.
Non ci si parla e neanche saluta
perché l'inferno ha molte strade
che si possono percorrere.
Un marciapiede mi da ristoro,
calma apparente mentre gli occhi
vengono socchiusi dalla stanchezza
della giornata.
Il fumo di una sigaretta
risveglia la mente esausta,
e riprendo il percorso,
non sicuro ma obbligato.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • aleks nightmare il 31/03/2010 14:28
    ti ringrazio...
  • Andrea Contenti il 31/03/2010 14:10
    davvero bella... ne ho votate un po' nei minuti passati ma per ora solo questa s'è meritata un commento... complimenti
  • virginia marcelloni il 09/12/2009 18:08
    .. sai a volte è anke meglio essere da soli.. almeno nn si ha il cruccio di nn essere capiti da ki si ha intorno.. bastiamo già noi a nn comprenderci..
  • Il Poeta Operaio il 17/11/2009 18:05
    mi piace il tuo stile... sei bravissimo... un'inchino
  • Kartika Blue il 14/11/2009 12:42
    mi piace molto!! davvero bella!!
  • aleks nightmare il 14/11/2009 11:27
    ti ringrazio!!!
  • Anonimo il 14/11/2009 08:58
    È stupenda... anche se parla di una solitudine in mezzo alla gente, ma quanta gente prova questo, purtroppo!!! Anche se parla dell'indifferenza, dell'ipocrisia nei rapporti, per me è bellissima!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0