accedi   |   crea nuovo account

Se feteggiava na vorda san martinu

Na vorda, quanno ero fijarella,
doppo li jorni tristi de li morti,
dell'animu s'arzappavono l'orti,
festejianno San Martinu,
quillu santu che se torse la mantella,
pe scallà er povero peregrinu,
come premio c'ebbe dar divinu,
jornate de sole, calle,
che nui chiamamu
l'estate de San Martinu.
M'arcordo che ce se arzava
presto quer mattinu,
l'ommini jeno jiù a cantina
a spilla er vinu,
quello novellu, quello birichinu,
lo mettijano dalli tini
dentro lu fiascone,
bevenno ogni tanto che sorsitto,
pe sentì se cia a gradazione,
s'ambriacavano come lu moschinu.
Le femmine che s'arzavano a bon ora,
doppo aver arpulitu,
tiravono fora a spianatora,
impastaveno o pane, e ciriole,
e lo stragozzo,
cor zucchero caramellatu,
uva passa, olio e farina,
facevano o maritozzu,
cor mosto, na rotonda ciambellina,
che era na dilizia,
magnalla gni matina.
Ardea sempre o focalare,
lu fornu s'accinnja,
in fonnu alle scale,
l'aria se profumava de viole,
de quilli odori, sento nostargia.
Ma lu vello vinia,
quanno scennea o sole,
e l'aria dorcemente s'ambrunia,
casa s'arrimpia de persone,
sur focu jarava l'agnellu
e a cacciagione,
se assajava er novellu,
a castagna arrostu s'arcapava,
se ridia, se scerzava,
se er tempu poi era vello
ner cortile se annava,
ricordo che li vecchi
ballavano u sardarello,
na danza antica dell'umbra mja,
na fisarmonica sonava ore e ore,
la jente allò era semplice,
ancò l'umanità cia er core.
Tempi passati
che nun torneno più,
armangono ricordi ormai sbiaditi,
der piccolo monnu
anticu, che fu.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Agostino Griffante il 25/05/2011 10:16
    desolato...
    non la capisco...
    ma cmq piaciuta dai...
  • Anonimo il 15/11/2009 02:11
    Ci sono stato a Spoleto, due volte e mi piaciuta. Mi sono divertito a leggere questa poesia, qualcosa ho capito... Brava. Ciao
  • Giuseppe Bellanca il 14/11/2009 21:09
    Fantastica ti esprimi in dialetto in modo veramente stupendo, sei una Poetessa con la P maiuscola... grande amica mia un bacio Giuseppe.
  • Anonimo il 14/11/2009 16:49
    È semplicemente stupenda ricordi perfettamente riportati sulla carta e d'incanto.. è come trovarsici dentro... mi è piaciuta moltissimo.
  • M. Vittoria De Nuccio il 14/11/2009 14:52
    Che bello il dialetto umbro e che brava anche in queste vesti di poetessa dialettale. Bravissima Lor!!!! Buon fine settimana, un abbraccione.
  • Anna Maria Russo il 14/11/2009 14:22
    anche se in dialetto spoletano è facilmente comprensibile... ed io sono siciliana.. ti rinnovo i complimenti...
  • francesca cuccia il 14/11/2009 11:27
    Il passato in certi versi era più sereno di oggi, devo dire che c'era più affetto e calore anche se non so se conoscevano l'amore, molto bella ciao.
  • Antonietta Mennitti il 14/11/2009 10:44
    Dovevi cara tradurre il dialetto, in quanto mi spiace non ho compreso nulla! Ciao
  • loretta margherita citarei il 14/11/2009 10:39
    questo è il dialetto spoletano, la mia città d'origine, ogni città umbra ha un dialetto a se simile agli altri, ma diverso, con cadenze diverse
  • Anna Maria Russo il 14/11/2009 10:33
    bellissima... i tempi passati che non tornano più... i sapori, gli odori di una volta lo stare insieme e il divertirsi con poco... davvero molto brava a descrivere...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0