username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Da solo

Spengo la luce,
e la finestra rimane
aperta, sul giardino.
Ogni clamore si attenua,
e sfuma ogni allegria.
Il mio letto è lungo e dritto,
la mia testa non solleva
polvere quando lieve
si appoggia al cuscino.
Posso guardare fuori,
se ne ho voglia,
le fronde muoversi leggere,
e spandere verdi liquori
nell'aria frizzante
di questa sera
di fine primavera.
Qualche uccelletto
qua e là,
che, desideroso e vivo,
ripete la sua canzone,
sempre uguale
e sempre diversa.
Io ascolto
e guardo lo specchio,
senza guardarmi.
Potrei cantare anch'io,
se volessi,
potrei farlo,
ma sono troppo stanco,
e la mia voce annoia.
Batto le dita
sul materasso,
seguo il ritmo di quel volatile,
aereo canterino.
Il buio,
freddo assassino
della mia inconsistente pace,
allunga gli artigli,
e invade l'aria che respiro,
la coltre che mi scalda.
Chiudo gli occhi e cosi lo sfido.
So già che sarà lui
il primo a colpire,
e a ferirmi,
ma devo lottare.
Ci dovrà pur essere
una qualche stella che
mi farà dono
di una spada,
che serva a trapassare il nero cuore,
al mio invisibile,
ma spietatissimo nemico.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 20/11/2015 07:05
    molto bella... complimenti.

12 commenti:

  • Marhiel Mellis il 16/11/2009 13:59
    La solitudine... male incurabile nel buio di pensieri... scrivere, tuttavia, ne diventa palliativo e incoraggia il guardare nel nostro io. Splendida introspezione.
  • Kartika Blue il 15/11/2009 19:34
    molto bella!!
  • Anonimo il 15/11/2009 19:32
    La solitudine è una bestia che ci portiamo dentro durante il cammino della vita. Sconfiggerla quasi impossibile, meglio i8mparare a conviverci.
  • Fabio Mancini il 15/11/2009 13:36
    Gradevole, simpatica. Fabio.
  • stefania saglioni il 15/11/2009 13:05
    Per ognuno di noi c'è una stella pronta a scaldare le fredde e buie notti. Molto bella Salvo.
  • Anonimo il 15/11/2009 11:53
    Sono contenta speravo non ti mettessi a cantare meglio continuare a sentire il cinguettio degli
    uccellini
  • Anonimo il 15/11/2009 11:51
    Sono contenta e meno male ho sperato non ti mettessi a cantare
  • Anonimo il 15/11/2009 11:50
    Meno male.. pensavo ti mettessi a cantare
  • Anonimo il 15/11/2009 11:48
    Il buio freddo, compagno di tante notti, ucciso dall'arma di una stella affinchè si possa risentire finalmente il calore quando la solitudine se ne va!! Bellissima Salvatore...
  • Anonimo il 15/11/2009 08:42
    che bella! conosco quel buio, dovrò armarmi anch'io di una stella!
  • Anonimo il 15/11/2009 08:13
    Piaciuta.
  • loretta margherita citarei il 15/11/2009 08:06
    apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0