username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ah Pa' c'è vò turna' ah Ca' pa ra pa pa

Il Padre
imbevuto del Suo Spirito

creando
ciechi
vagabondi alcolizzati

si è addormentato
lontano
ai confini del Suo uni verso

La Madre
dagli occhi rossi
si prostituisce
dal dolore

partorendo
sulle strade del mondo
miserie di esseri in fatti eventi
destinati a precoce morte

i Figli
scatenati
faranno
di tutto
per riportarlo a Casa

prendendosi
fraternamente
fra di loro
in spinte da calcinculo
voleranno

Fatti avanti

"Va b buò Guagliò
fa ci m me mpress"

anche se piove di brutto
sul Luna Park

la roteante vorticosa giostra volante

è gioiosamente aperta

prendi la coda il fiocco tira fuori il bianco coniglio dalla sua tana

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Anonimo il 15/11/2009 19:36
    Alice cade nel paese delle meraviglie e si perde alla ricerca del bianconiglio. Sua madre regina di spade cade fra le risa del mondo, cappellaio matto il padre senza senno, e figli come bruco fumante di oppiacei tessuti dal mondo adulto. Ispirante.
  • giusi boccuni il 15/11/2009 18:49
    quanta distanza c'è fra un Dio lontano e tragicamente distante dai disastri umani? come fare a portare il divino nella giostra terrestre? più facile far apparire un coniglio dal cappello a cilindro...
  • Salvatore Ferranti il 15/11/2009 13:02
    bellissima come tutte le tue opere... una meraviglia fatta parole
  • Don Pompeo Mongiello il 15/11/2009 11:33
    Son d'accordo, purtroppo vera e quindi piaciuta ed apprezzata.
  • Antonietta Mennitti il 15/11/2009 11:32
    Interessante!
  • Anonimo il 15/11/2009 11:25
    Ironicamente raccontata ma profondamente veritiera, la vita è fatta anche di questo!! La colpa dei padri, l'eredità dei figli e si prosegue creando persone future con alla base problemi irrisolti... gioiosamente sarebbe bello risolvere tutto prendendo il codino al Luna Park...
  • Anna G. Mormina il 15/11/2009 10:50
    ... ci sarà sempre qualcosa che non va, nelle nostre vite... viste con 'gli occhi del poi', magari ci faranno sorridere, si perchè la vita è una giostra e se riusciamo a prendere il fiocco, avremo una Ricompensa...

    Vincenzo è bellissimaaaaaaa!!!!
  • Auro Lezzi il 15/11/2009 10:21
    La particolarità dell'esprimerti con te diventa naturale come una piccola fiaba..
  • giuliano paolini il 15/11/2009 09:58
    come sai fingere se ti fa comodo, nella tua trappola ci son caduto anch'io disse il topo alla signora
    mi piace molto, c'è in noi la capacità di discernere ma finiamo sempre per scivolare dalle parti della moglie del topo.
    tulipani per un vecchio marpione
  • Anonimo il 15/11/2009 09:53
    .. splendida.. e nessuna scomunica..
  • Anonimo il 15/11/2009 09:23
    Vincé, bella, la vita e traggica e i figli so' piez e core, è così traggica che non vale la pena viverla, meglio assistere, meglio che passi.. secondo me è colpa dell'amministratore di condominio... perchè quando vado a pesca, non prendo mai niente... cà nisciun è fess
  • Anonimo il 15/11/2009 08:56
    mi ha fatto tornare alla mente alice nel paese delle meraviglie... una favola che io adoro... quel bianconiglio sempre di corsa con l'orologio in mano l'avrei seguito volentieri ieri, nella mia infanzia e più ancora oggi, in questa triste realtà, in questo paese che di meraviglie non fa più dono! bella, inquietante poesia. un abbraccio
  • loretta margherita citarei il 15/11/2009 08:09
    ci sarebbe da pensare alla barzelletta della famiglia sfortunata, ma è sottile la tua ironica verità

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0