username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Una foto di troppo

Sentieri percorsi piano
in macchina
a passo d'uomo
tra vigneti
e boschi ingialliti
la natura che invade la strada
corrompendola
col verde
e il marrone appuntito
dei gusci di castagne
ad un'incrocio
l'auto dietro la mia
si ferma
c'è un vecchio casolare
sulla sinistra
ogni dettaglio
di questa costruzione
di cento anni almeno
ispira tristezza
desolazione
quasi timore
il vecchio cancello di ferro
mezzo divelto
le finestre cieche
il legno delle porte consumato
dall'assenza di mano umana
e quel che sopravvive dei tetti
anche le erbacce
sembrano averla disertata
quella povera casa...
Qualcuno scatta una foto
poi risate giungono
dall'interno
qualcun altro deve aver fatto
una battuta esilarante
sul luogo
o sul destino
di chi l'ha abitato
il tempo d'ingranare la marcia
e si riparte
di noi
rimane solo il segno delle gomme
sull'asfalto umido di pioggia

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Anonimo il 15/11/2009 17:55
    mi è piaciuta proprio tanto, da rileggere, anche se forse un po' malinconica..
  • giovanna raisso il 15/11/2009 16:38
    a volte si deride l'apparenza e si giudica.. e non ci si chiede cosa ci sia dietro.. ma di que giudizio resta sol una misera traccia.. bravo salvo
  • pippi calzelunghe il 15/11/2009 14:11
    scelta di detagli molto belli da descrivere
  • stefania saglioni il 15/11/2009 13:20
    Niente scompare, tutto si trasforma. Il vecchio casolare qualcuno lo ha abitato... i segni delle gomme sull'asfalto indicano che qualcuno è passato. Ricordi che ritornano vivi per un istante ma, se ne vanno per farti vivere il presente e programmare i futuro. Molto bella.
  • francesca cuccia il 15/11/2009 12:54
    Vecchi ricordi, ritornano ma, sono ricordi dopo accendi la macchina e via, bella.
  • Antonietta Mennitti il 15/11/2009 12:37
    Un ritorno al passato... a me succede spesso di ritornarci, ma con un grande rimpianto! ciao.
  • Anonimo il 15/11/2009 12:20
    Molto bella Salvo rievocazione di un passato che per un attimo torna presente... mi piace
  • Vincenzo Capitanucci il 15/11/2009 12:16
    Bellissima Salvatore.. solo un segno di gomme... di noi rimane...
  • Anonimo il 15/11/2009 11:47
    bellissima descrizione
  • Anonimo il 15/11/2009 11:46
    bellissima descrizione..
  • Maurizio Cortese il 15/11/2009 11:44
    Certi gesti talvolta sono superficiali, vengono compiuti per un gusto effimero.
  • sara zucchetti il 15/11/2009 11:41
    Bravo Salvatore, è descritta così bene che non è difficile immaginare la scena. La trovo originale e forse la foto e le risate non le farei ma se vedessi un vecchio casolare antico non mi darebbe tristezza ma curiosità e fascino del passato.
  • Anonimo il 15/11/2009 11:17
    Notare un passato secondo te triste, di un casolare e sentire l'indifferente ciarlare di persone che fotografano il tutto senza il rispetto per il luogo... si, una foto di troppo in questo luogo addormentato!!!
  • Anonimo il 15/11/2009 11:01
    struggente poesia! ma non è la natura che invade la strada o il marrone appuntito dei gusci di castagne a corrompere quel frammento di tempo... forse è quella foto di troppo scattata con indifferenza che ha straziato il tuo presente!
  • Patty Portoghese il 15/11/2009 11:00
    Poesia magnifica.. traccia per scrivere un romanzo.. dovresti farlo!
  • Auro Lezzi il 15/11/2009 10:34
    Andare... Vivere... Ed è poesia..
  • loretta margherita citarei il 15/11/2009 10:27
    bella descrizione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0