PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Prospettiva

Siedo s'un dolce monte
e guardo il panorama
che s'estende 'n fronte

la città che si dirama
di chi odia, di chi ama
senza l'omini, si' lontana

non c'è nfamia, non c'è lode
non c'è ignavia, non c'è morte
tutto scompare 'n prospettiva

sfioro 'l mare colla mano
sento l'acqua tra le dita
che s'asciuga piano piano

de li monti seguo 'l profilo
quasi li tocco con il dito

con la mano copro 'l sole
ma mi brucia che' non vole

Apollo deve andare
e nessun lo può fermare

la brezza tra le foglie e' fiera
cosi l'onda sulla scogliera

un'orchestra prende luce
un fil d'erba la conduce

l'ammiro per un momento
poi ne seguo il movimento

e pare dolce 'n prospettiva
una lacrima che vola via.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0