username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sognai

Sognai un insieme di sogni, sognai.
Un camminar erratico, sognai.
Terre lontane, vicine,
eppur mai pensato avrei
varcar di montagne
e lavar piedi come a benedire.

Non avrei pensato mai,
pianger mai
alla fine dello stesso identico sogno
lo stesso sogno, ripetita...

La strada che scese a un fitto di bosco
Estenuante e poi, la paura,
e il bambino lì a giocare, alla cinta la sua lama
ed io ero il bambino e del tronco le radici
che impercettibilmente mosse
sentii nascosta, la mia parte vigilare, attenta.
Ma questo già dissi che non mi ripeta.

Pantaloni i miei, bianchi,
camicia la mia, camicia e rossa,
ed il cuore nella mano
e la cartella mia di cuoio appesa all'altra...
mano.

Sognai un insieme di sogni, sognai
che di dieci uno non ce n'era intero.
Solo percorsi, confusi avvenimenti e sovrani
ma i campioni degli scacchi eran due
lo ricordo a quel tempo
e il cane era pastore,
e la bimba era dai monti
e il quartiere era cemento
quarantaquattro i gatti
ed un bar sopra la piazza
e l'immondizia al muro.

Poi uscirono i grandi dai libri
uscirono i grandi e io l'imparai
laddove riuscii
e la strada in discesa divenne salita
e la buonuscita fu salvacondotto
alla vita.

Le porte alla notte, dei baci gl'amanti,
le belle canzoni, le musiche celte,
i fazzoletti al collo, le bandiere al vento,
l'urlo e il pittore, il bambino che nasce e quindi,
l'adulto che muore.

Poi la guerra, il sussulto, la maledizione,
la morte ribatte alla vita e ancora sognai...

Sognai un insieme di sogni, sognai
un camminare austero verso terre lontane.
Che all'inizio mai pensato avrei
scavare e lavarmi di mani al suo fiume
e pensato non avrei, di pianger infinito e assorto
comunque, che fosse andata la strada
alla fine del sogno, l'identico sogno vissuto...
come trasformato in vita vissuta

l'avrei...

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 04/12/2009 23:41
    senza parole... decisamente senza parole... il senso è meraviglioso... sarebbe da tradurre in bretone e musicarla con l'arpa di Alan Stivell... tradurla dico... solo per l'arpa... perchè così è meravigliosa... ma non saprei se musicandola come vorrei io... si può ottenere lo stesso effetto... ma è tutto nella mia testa... non me ne volere... bellissima.
  • ANGELA VERARD0 il 20/11/2009 13:06
    anche questa è straordinaria... mi fa pensare a me e al mio rapporto con il sognare e il vivere...
  • loretta margherita citarei il 16/11/2009 16:19
    complimenti x come è scritta
  • Salvatore Ferranti il 16/11/2009 12:48
    un caleidoscopio di pensieri e di sogni... davvero un mare magnum dove perdersi è un piacere...
    bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0