username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il 17 novembre 1989

Uno solo
fu lo grido
da Praga
a Bratislava;
libertà,
democrazia,
uguaglianza.
I carri sovietici
o russi che fossero
e le sue micidiali
armi
rimasero mute,
per cui
detta fu
rivoluzione di velluto,
senza contare
naturalmente
tutti i retroscena.
Improvvisamente
le rosse stelle
come secche foglie
a lo suol
caddero
dopo tanto splendore.
Una nova era
d'allora est;
ma democrazia
vera est?
De anni
venti
ne sono passati,
ma l'interrogativo
ancora
est.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 09/12/2009 23:06
    Proprio così! Fu vera gloria?
  • IGNAZIO AMICO il 23/11/2009 00:23
    Condivido il contenuto, apprezzo la forma, ammiro il sottile velo di ironia rabbiosa. Bravo. Saluti.
  • Dolce Sorriso il 17/11/2009 13:26
  • Aedo il 16/11/2009 23:45
    Simpatica rievocazione di un evento storico importantissimo per la nostra civiltà. Bravo!
    Ciao
    Ignazio
  • Vincenzo Capitanucci il 16/11/2009 21:58
    ancora est.. la demo... crazia...?... quanto poco è esistita.. in grazia... effettiva...

    Bravo Pompeo...
  • Anonimo il 16/11/2009 20:29
    la storia è un eterno ritorno, avvengono grandi cambiamenti, scoppiano rivoluzioni, poi tutto si quieta, si torna alla normalità, e di nuovo serve una rivoluzione per smuovere anche solo una piccola pietra. La storia è fatta dall'uomo e l'uomo purtroppo ricalca sempre le sue orme, spesso ripete gli errori del passato, sembra avere paura del cambiamento, sono ancora poche le persone che combattono attivamente e non temono di smuovere qualcosa. Complimenti, ciao
  • Anna Maria Russo il 16/11/2009 19:17
    sembra che tutto cambi, ma poi rimane tutto uguale...
  • loretta margherita citarei il 16/11/2009 16:24
    ne ricordo un'altra di invasione, nel 68 credo, anni oscuri, come oscuri gli anni che viviamo, false democrazie
  • fabio martini il 16/11/2009 13:53
    penso che quel gioco ( o giuoco come direbbe lei) di parole abbia di fatto alleggerito troppo la poesia e di conseguenza l'argomento (che trovo molto interessante) peccato. Considerato comunque lo sforzo, penso che un sei politico (vista anche la tematica) si possa dare... fm.
  • Salvatore Ferranti il 16/11/2009 12:43
    un grande anno l'89 per la democrazia e la libertà... memorabile, ricordo quei giorni con grande piacere.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0