username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ruberò il tuo amore

Baciami ogni piuma
Ora, mio angelo perpetuo
di un sogno perso tra le nebbie dei ricordi
tra le nevi divine dei colli

Gelido sogno di un futuro inaspettato
io sarò come rondine in attesa di una nuova primavera

Lacrime di sale e mare
bagneranno gote che le tue dita
ritrassero in quella foto
di un dipinto affogato
nel liquido amniotico del fiume
della gelosia e della rassegnazione

Ridammi le mie piume!

Icaro io
cadrò come silenziosa lacrima nel mare

Strappami anche il cuore
e donami un bacio

E come foglia
che balla il triste tango dell'autunno
dirò addio alle mie speranze

Bacerò i tuoi occhi
e ti ruberò gli artigli

Bacerò le tue mani
e ti ruberò il pensiero

Bacerò le tue labbra
e ti ruberò il respiro

Bacerò il tuo corpo di marmo
e ruberò il tuo amore

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Giorgia Spurio il 13/06/2010 12:42
    grazie mielle sergio
  • Sergio Fravolini il 13/06/2010 11:23
    Un amore freddo bollente a cui non si nega mai una carezza.

    Sergio
  • Anonimo il 14/02/2010 19:13
    Io l'avrei terminata con "ridammi le mie piume!". Fin li era fantastica. Icaro lo potevi accorpare in qualche strofa precedente. Ma io so un po' di poesia ma molto meno di epica. Quindi, il mio commento sarà anche sbagliato. Fammelo sapere.
  • antonio castaldo il 24/11/2009 17:55
    è quando trovi meraviglioso essere definita "LADRA"
    bellissima!
  • ANGELA VERARD0 il 17/11/2009 09:34
    ottima lirica... riprendi le tue ali
  • Salvatore Ferranti il 16/11/2009 21:26
    una poesia che è un piacere rileggere... perchè una sola lettura non basta, e nemmeno due,...
    bravissima
  • loretta margherita citarei il 16/11/2009 16:34
    dolce

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0