accedi   |   crea nuovo account

Manuale

Le mie mani gesticolano perdite,
afferrano silenzi,
stringono vuoti.
Le mie mani s'intrecciano in percorsi mai tracciati.
Le mie mani tentano di stropicciare un cielo livido
che prevede l'infinito.
Le mie mani,
sfogliano novelle mai raccontate,
di mondi perduti
di paesaggi sfumati.
Supplicarono la tua pelle.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sergio Basciu il 15/03/2014 03:33
    Molto bella.. gesticolano perdite.. afferrano silenzi.. stropicciare il cielo.. supplicare la pelle.. bellissimi accostamenti.. mi piace.. complimenti

16 commenti:

  • Donato Delfin8 il 14/03/2009 13:15
    Manuale della comunicazione non verbale!
    Piaciuta.
    Mi piace lo stile.
  • zoe marcelli il 08/10/2008 13:05
    "supplicarono la tua pelle" mi piace
  • I. mpersonale F. ottuta-mente il 02/12/2007 22:24
    molto bella davvero:anke se nn lo volevi mi hai fatto riflettere sul valore del linguaggio del corpo ke è così sottile ke spesso ne ignoriamo l'esistenza.. poi cm già ti è stato detto è bello cm affronti il tema dell'amore, il contrasto tra le mani e la pelle!!! bella davvero ciao!
  • Gabriella Salvatore il 04/11/2007 21:24
    è molto bella, mi confonde il finale supplicarono la tua pelle, avrei usato il tempo presente come hai fatto dall'inizio
  • Claudio Amicucci il 06/09/2007 16:05
    Bella e... passionale! "le mie mani... supplicarono la tua pelle". E anche malinconica. Brava, mi piace il tuo stile. Ciao Claudio
  • Riccardo Brumana il 03/09/2007 19:45
    il tatto... che piacere che può dare ci rende concreto ciò che ci circonda... bravissima viola.
  • Viola Smith il 17/07/2007 13:35
    Grazie, davvero...
  • billiejoe. il 15/11/2006 14:41
    ... sei riuscita a creare un'atmosfera intorno a me.. un po' dark.. un po' fumosa.. o forse è solo la mia immaginazione..
  • Viola Smith il 05/11/2006 10:41
    Grazie Simona
    Infatti, l'ultima, voleva essere una frase a sè.
    Non volevo fare un solito finale... Volevo spezzare, lasciando una specie di strappo.
  • simona bertocchi il 05/11/2006 10:17
    molto bella, forse il finale poteva essere diverso, l'ultima frase sembra quasi una frase a sè. Lo stile mi piace. quel " le mie mani tentano di stropicciare un cielo livido..." è toccante.
    A rileggerti
  • Viola Smith il 04/11/2006 19:12
    Grazie
  • antonio sammaritano il 04/11/2006 16:24
    bello il modo singolare ed efficace di descrivere, tramite le mani, i sentimenti e le sensazioni.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0