accedi   |   crea nuovo account

Cessato allarme!

«Il vero atto della scoperta non consiste nel trovare nuovi territori, ma nel vedere con occhi nuovi.»

Marcel Proust




Non ci sono finestre lungo questo corridoio,
Bianche pareti e corpi non più forti,
Tutti quei volti sono come un tutt’uno per me.

La luce confonde la realtà che mi circonda,
Forse pensiamo troppo dopo l’attimo,
E pentirsi non serve più a niente,

Il segnale è ora chiaro (viene da fuori)
Preparati per la tua parte (questa volta non fallirai)
Al di là del limite qualcosa si sta animando
La scena cambia e tutto torna tranquillo,
Ma ora fa freddo!

Il tempo scorre in una sola direzione,
Il mostro sorveglia la parte superiore della scogliera,
Misteriosa ed incerta è la regione del domani.

È arrivato il momento di fermarmi qui
E lasciare uscire questa angoscia
Che mi assale all’improvviso.

Cosa accadrà al momento della prova?
L’angoscia ci allontana sempre dal presente!

Sospesi fra il passato ed il futuro
Sempre incapaci di fissare il moment
La zona di sicurezza può essere comoda,
Ma non offre mai nulla di nuovo.

Sto imparando di nuovo
Sto studiando cose nuove
È tempo di dischiudere il presente.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Stefano Monti il 15/11/2006 12:46
    Hai la capacità di creare un atmosfera, di colorare anche le zone grigie e nascoste del pensiero. Molto surreale ed attraente questa poesia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0