username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Salite

Salite inascoltate verità
dell'età dimenticata
come turbini di panico
alla prima esperienza
tra gelide carezze
fulgidi soffi
d'insostenibile ebbrezza
braccia di morte
bacian conoscenza.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • giovanna raisso il 22/11/2009 15:15
    dovremmo tutti saper tornare all'innocenza di un tempo.. e solo oggi capiremmo..
    bravo samuele
  • Jurjevic Marina il 20/11/2009 12:34
    Devo ammettere che mi mette ansia questa opera, non me lo so spiegare
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 20/11/2009 00:01
    mi piacciono perchè sono versi diretti! ogni uno ha significato a se, che poi si rimodella per essere un unico grande senso. Mi piace bravo
  • Anonimo il 19/11/2009 18:00
    Molto bella, intensa e musicale. Complimenti.
  • Ethel Vicard il 19/11/2009 13:33
    il chiacchiericcio delle verità non si fermò neanche davanti allo sgomento dell'enorme scala a chiocciola che si ergeva imponente al centro della sala bianca. I suoni rimbombavano nel vuoto pieno del fruscio dei loro movimenti non ancora abituati alla realtà, i gradini fragili le avrebbero portate fino al mondo reale. Un cordone di verità iniziò a salire, e dopo poco il vento iniziò a graffiare i loro corpi puri violati dalle mani sottili di un inconscio che non voleva venissero a galla... le più forte continuarono la loro ascesa, le migliori caddero quando i gradini iniziarono a sbriciolarsi come wafer... e sotto di loro, nell'oblio del tempo, braccia di morte attendevano la loro fine...
  • Salvatore Ferranti il 19/11/2009 11:40
    facciamole risalire... tutti insieme! bravo
  • loretta margherita citarei il 19/11/2009 11:05
    scritta bene

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0