accedi   |   crea nuovo account

SPETTATORE

Osservo
in silenzio
come uno scupoloso spettatore
la vita che scorre.

È lenta
ma inevitabilmente frenetica.

Semplice
eppur così complessa.

Tento di fermarla
ma a stento
riesco a rallentarla.

Cerco di addolcirla
di assaporarne i frutti
troppo acerbi per essere colti.

Provo a esserne il regista
a dirigerne la scena.

Le mie mani sono inermi
la mia voce è roca, spezzata
quasi muta.

Arranco
sembra quasi brancolare nel buio.

Arretro
e rimango lì
in silenzio
a guardare
affascinata
dal brulichio frenetico del dietro le quinte.

Attendo
da spettatore
la nuova scena.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 14/11/2016 08:40
    apprezzata... complimenti.

15 commenti:

  • Sergio Fravolini il 26/04/2010 09:43
    osservi la vita che corre silenziosa dietro le quinte.

    Sergio
  • Anonimo il 18/04/2009 14:21
    Piaciuta.
  • Claudio Amicucci il 04/09/2007 17:30
    Debbo notare che sai scrivere! Lasci il lettore con un senso di non so so che alla fine. Brava. Ciao Claudio
  • Fabio B il 02/04/2007 20:29
    Bella come le altre ma vivere la vita è meglio che esserne spettatore.
  • Duccio Monfardini il 24/01/2007 16:32
    interessante, piacevole. a rileggerti, ciao, Duccio.
  • alberto accorsi il 22/01/2007 21:42
    Estatica. Un po' troppo.
  • Carlo Diana il 10/01/2007 20:56
    se fossimo un po' più spettatori che attori e se, controcorrente, cedessimo al passo indietro, chissà, riusciremmo forse a rallentare la velocità di consumo, anche di emozioni, sentimenti. E persone. A gustare la vita più in profondità. Bella poesia, più che frustrazione io leggo rispetto.
  • augusto villa il 20/11/2006 11:06
    Bella poesia!... eh...è da sempre che cerchiamo di fermarla questa vita... e non riusciamo neppure a rallentarla... Se poi abbiamo la presunzione di essere i registi di quello che è la nostra vita... ci sbagliamo, la nostra è solo un'illusione... tanti progetti,... certezze... che in un attimo crollano come un castello di carte... perche la vita è piena di imprevisti... Forse mi piace vivere per questo motivo... Beh... poi bisogna vedere la qualità dell'imprevisto... ed è tutto un mistero...
    Ciao
  • Antonio Pani il 06/11/2006 16:12
    Ciao, mi piace questo tuo scritto. Traspare il contrasto fra l'essere semplice osservatore e il muoversi come parte attiva della vita che scorre. Sarebbe bello distinguere quando e perchè si passa da spettatori ad attori e viceversa. A presto, ciao.
  • Vincenzo Brighenti il 03/11/2006 11:14
    Bella questa poesia, mi ridorda un po' anche la mia vita passata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0