accedi   |   crea nuovo account

La pena ineluttabile di quell'attimo

Un palpito veloce nel costato, prima nascosto
dai rumori affannati del respiro,
diede spazio ai profumi di parole ancora mai sentite
e sapori di colori appena accennati.
legate da un filo di seta
languide emozioni diedero il via ad un ballo
disegnado la trama ardente dell'impeto
vestigia e fasto della pena ineluttabile di quell'attimo
pronto ad esaurirsi in ricordi come foto sbiadite al sole.
furono i palmi i primi a voltarsi al cielo
seguiti dallo sguardo impaurito.
subito caddi in ginocchio,
glabro di emozioni,
pallido nel cuore,
e di fronte a me le dita fredde e sottili delle mie mani nude
cercavano inutilmente aria pura da abbracciare.
lo spavento impoverì le stelle dei loro sorrisi
e la notte vestì le mie spalle.
la stretta al petto era decisa e forte da bloccare il fiato
e la rabbia divvenne opportuna,
la scintilla delle imprecazioni
che coprono ogni suono
come schianti di labbra salate.
perchè la distanza tra due sguardi si misura in once di disprezzo.

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/01/2014 02:47
    Davvero molto bella, complimenti.

3 commenti:

  • Dolce Sorriso il 20/11/2009 21:49
    mi piace
    bella
  • loretta margherita citarei il 20/11/2009 20:45
    molto bella sentita
  • Anonimo il 20/11/2009 19:38
    Schianti di labbra salate
    bel verso mi piace.
    Ciao
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0