PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ineluttabilità

eppure il peso è sempre lo stesso
le spalle cedono,
la colonna vacilla.
eppure gli sguardi sembrano sempre immobili
le voci distanti,
i suoni opachi.
eppure le facce ti circondano sorridenti
ti chiamano per nome,
tendono affetti.
eppure le grida rimangono infrante su muri indifferenti,
e rispondo gli echi come pugni nel ventre.
volti muti,
planate in picchiata verso il tuo dio assonnato.
non appartengo,
non capisco,
non gioco.
eppure ho ricordi di vissuti innocenti,
o forse sono solo sogni di vite sfiorate.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0