accedi   |   crea nuovo account

Catene

Lacrime liberatorie
ma pesanti
come macigni
mi ricordano
infanzia perduta e mai dimenticata.
Ho perdonato
chi mi ha ferito
ma il mio cuore
ancora non si è aperto.
Lo chiude una catena
fatta di amarezza
e delusione,
e questo mio pianto,
come l'acqua che scava la roccia,
riuscirà a scavare un solco
per poter spezzare quella catena.

 

2
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 02/05/2011 20:59
    Ottima
  • Giuseppina Iannello il 02/12/2009 09:12
    Profonda, complimenti.
  • Antonietta Mennitti il 27/11/2009 22:53
    Non e' facile dimenticare quando si ha timore e terrore di cio' che si e' subito ed perche' il proprio orgoglio non puo' tacere! Brava.
  • Antonio rea il 21/11/2009 19:47
    Bella poesia, bel proposito!! Tutto si può sbriciolare, basta volerlo. La volontà spezza qualsiasi catena e tornare a sorridere è sempre possibile!!
  • Anonimo il 21/11/2009 13:14
    La goccia d'acqua è in grado di sbriciolare il macigno più duro, allo stesso modo la lacrima romperà le catene del dolore. Bella.
  • antonio castaldo il 21/11/2009 00:33
    un pianto che fa rabbrividire.
    piaciutissima!
  • Anonimo il 20/11/2009 23:08
    Bella anche se è molto triste.
  • Maria Piera Pacione il 20/11/2009 21:59
    QUESTA POESIA MOLTO BELLA, RIAPRE UNA FERITA NEL MIO ANIMO CHE NON HO MAI RISANATO... SOTTO DOLORE E LACRIME C'È L'OMBRA CHE DA PICCINA MI POSSEDEVA UMILIANDO IL MIO CORPO...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0