accedi   |   crea nuovo account

Ero una donna che.

Dentro di me,
qualcosa sta cambiando,
mi sto spegnendo come
una candela che arde

e si consuma da un fuoco
lento che a poco a poco
si assottiglia.

Ero una donna che cercava
di essere paziente,
tollerante;

ma la lealtà e la generosità
son stati i suoi più gran
difetti.

Ero una donna che, se occorreva
sapeva sacrificare il proprio
orgoglio; ma detestava
l'incoerenza,

esaltando la sincerità; ma questi
son valori che nella vita

non vengono apprezzati,

ed è per questo che stò cambiando,
a poco a poco, forse sbaglierò;

ma non sarò più me stessa,

perchè la mia anima è già
sospesa su un filo
di seta sottile,

ed il mio cuore è gonfio
di lacrime non

piante!

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • bruno guidotti il 05/02/2013 06:46
    La tua poesia, sinceramente piacevole, è intrisa di un pessimismo e
    di una sfiducia verso il prossimo, che senz'altro anche se motivata, non fa altro che recarti ancora più amarezza. Allora perché non aprire lo sguardo alla speranza?
  • Giusy Lupi il 31/01/2010 15:10
    complimenti poesia molto toccante, in certe frasi mi ritrovo, purtroppo anche io cerco di essere più dura dopo aver preso
    tante fregature, ma è molto difficile cambiare. brava.
  • Antonietta Mennitti il 21/11/2009 19:06
    Approfittare... che brutta parola Francesca... sa di opportunismo vero! Sei giovane e sai gia' il significato di questo termine... che vorrei ignorare! Brava
  • francesca cuccia il 21/11/2009 18:56
    La vita purtroppo è cosi diamo per essere sinceri e veri invece si approfittano rendendoci piano insicuri e infelici, tanto da arrenderci e non capire ciò che vero e cosa non lo è.
    Solo con la forza di andare avanti sperando si può tornare piano a ciò che si era non mollare fidati sono giovane ma, so ciò che dico, un abbraccio Antonietta.
  • marcello cardinale il 21/11/2009 16:09
    Ho soffiato sul fuoco si è spenta la fiamma ora non ti consumi più...
  • loretta margherita citarei il 21/11/2009 15:36
    indurirsi un po non è un male, bisogna però raggiungere un equilibro interiore, molto intensa
  • Antonietta Mennitti il 21/11/2009 15:24
    Grazie Ugo...!
  • Ugo Mastrogiovanni il 21/11/2009 14:46
    La vita, purtroppo, non ripaga e questi tuoi versi ne sono la dimostrazione. Anche se si sa che fanno male, a volte bisognerebbe trovare e dire le parole giuste per palesare le proprie idee. I latini sostenevano che "est modus in rebus" (In ogni cosa ci deve essere la sua misura), ma la bontà, l'onestà, il dovere, la morale spesso non ricompensa e il detto latino si va a far benedire...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0