PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sono Tua

Sei la vertigine
di questa malattia;

mentre mi affami di
febbre d'amore;

accoglimi ti prego.
Aprimi le porte del tempio,

lì dove nascono bramosi
desideri d'intenso
piacere,

e dove bocche avide bagnano
di brina pareti rivolte
all'amplesso.

Affonda le unghie
nell'anima mia

per ritrovare il respiro
del cuore...

Posati su di me, alla ricerca
del fiore più bello,

regalami maree dove il tormento
diventa passione.

Dammi il tuo eros di un amore
impudico.

E con esso e a pieni sorsi

i tuoi sensi!

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Antonietta Mennitti il 22/11/2009 11:02
    L'amore senza passione e' come la luna senza il sole! Senza il fuoco non c'e' brace che si consumi.
  • Ruben Reversi il 22/11/2009 10:55
    un amore assoluto... rispondo alle tue paure... cosa sarebbe l'amore senza passione? ti bacio ruben bravissima!
  • Antonietta Mennitti il 22/11/2009 10:51
    Non vorrei contaggiarvi con la mia costante passionalita' amici! Adesso non esageriamo Vincenzo!
  • Vincenzo Capitanucci il 22/11/2009 09:36
    Sei Vertigine... affanno.. febbre... sei meraviglioso Amore...
  • giovanna raisso il 21/11/2009 23:18
    si alterna sempre tenerezza e passione in quello che scrivi.. ed è un piacere leggerti
    brava
  • loretta margherita citarei il 21/11/2009 21:14
    piaciuta molto
  • Anonimo il 21/11/2009 20:33
    Passionale, bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0