username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La solitudine

La solitudine uccide
rende soli e impotenti
convincendoci di essere niente
in mezzo a tanta indifferenza.
Ci si chiude in sè stessi
si pensa che l'unico amico sia il silenzio
che ci circonda.
Una illusione che non fa trovare la ragione,
per uscire e camminare
conoscere nuova gente
parlare e scherzare e piano trovare
persone vere che non fanno male.
La solitudine cosi scacciare e
il silenzio musica farlo diventare
Cosi che nulla più può annoiare e vita avere.
La solitudine,
un ricordo da dimenticare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • giulia finenko il 31/10/2011 13:39
    non bisogna considerare la solitudine come autodistruzione poichè noi uomini solitare rispetto all'uomo indaffarato siamo maggiormente inclini all'immaginazione, la famosa illusione leopardiana. la nostra immaginazione è costituita da speranze, che secondo leopardi sono solo delle pure illusioni. ma nonostante ciò le speranze, gli ideali sono la ragione per cui vivere e non arrendersi alla natura matrigna ma combattere. uomo indaffarato trascura l'importanza delle ore di solitudine in cui progettare i suoi ideali e le sue speranze.
  • Anonimo il 17/11/2010 16:45
    bella davvero! mi piace è intrigante!!
  • Auro Lezzi il 23/11/2009 21:09
    Però oggi ti ho urlato tre volte e non hai mai risposto... Eri intenta a fare la poetessa.. Hai ragione.. Ti riesce così bene..
  • Cinzia Gargiulo il 23/11/2009 20:05
    Concordo con Andrea Zotta quando si sta bene con se stessi la solitudine non fa paura.
    La tua riflessione è interessante ma se seguissi i consigli che ti hanno dato per eliminare alcuni errori la renderesti più facilmente comprensibile perchè in alcuni punti c'è un po' di confusione.
    Ciao...
  • francesca cuccia il 23/11/2009 19:21
    Grazie Marcello,
    grazie Antonio,
    grazie a tutti.
  • Marcello De Tullio il 23/11/2009 19:18
    molto bella. Ricorda che nel grigiore della solitudine c'è sempre un domani migliore. Basta voltare pagina al bibro, oppure chiuderlo per srmpre e leggerne un altro.
  • antonio castaldo il 23/11/2009 18:33
    è il riflettere su un particolare "stato" che prima o poi accompagna tutti.
    piaciutissima!
  • max22 - il 23/11/2009 18:14
    Ciao a te Francesca, a parte il che con l'accento, non ci va l'accento, almeno non nel caso della tua opera si usa l'accento nelle troncature di perché o affinché, onestamente non ho assolutamente capito che parlavi di musica, non si capisce, se vai a capo con silenzio... beh non devi dimenticarti il alla fine del verso precedente, questo è un altro errore. Altro errore è "è" si scrive "e il silenzio così.." altrimenti uno legge la solitudine così scacciare è (voce del verbo essere, terza persona singolare)... ma mi chiedo chi ti commenta conosce un po' di italiano? Altra cosa una illusione è davvero brutto da leggere
  • francesca cuccia il 23/11/2009 17:44
    Ciao max, non credo che sia difficile capire cosa voglia dire.
    LA solitudine mandare via,
    il silenzio sentirlo come musica
    cosi chè nulla abbia più noia
    non penso che con la musica qualcuno si annoi con la musica
    forse è un mio modo di averla affrontata ma, la musica mi ha aiutata molto,
    Grazie a presto ciao.
  • max22 - il 23/11/2009 17:18
    La solitudine cosi scacciare è il
    silenzio musica farlo diventare
    Cosi chè nulla più può annoiare e vita avere.

    Andrea è stato troppo gentile, più che refuso direi orrore grammaticale. Questa frase, non oso chiamarlo verso perché a mio parere non è un verso, è sconclusionata, confusa, non si capisce cosa l'autrice voglia dire. Un peccato visto che la chiusa è interessante.
    Cercar le rime ad ogni costo, da pessimi risultati, meglio lasciarli ai veri poeti, qui siamo tutti dilettanti.
  • Andrea Zotta il 23/11/2009 16:11
    Nessuna paura per la solitudine se si sta bene con se stessi. Qualche refuso.
    Buona riflessione. Complimenti.
  • Anonimo il 23/11/2009 14:09
    ... la solitudine... per scelta... per scelta di non soffrire... alzare un muro e dimenticarsi.. se e dove... si nasconde la pietra... quella che serve rimuovere... per tornare a sorridere... bella, molto bella.
  • Antonietta Mennitti il 23/11/2009 12:25
    È uno stato d'animo che ci rende a volte apatici... sfiduciati e timorosi a concedere agli altri amicizia. Io sono un po' scettica su questa parola Francesca, perche' più si da'... meno si riceve e cio' lo dico solo per esperienza personale.
  • anna rita pincopallo il 23/11/2009 12:06
    "la solitudine un ricordo da dimenticare" magari...
  • Jurjevic Marina il 23/11/2009 11:52
    La chiusa fantastica. Bravissima
  • Anonimo il 23/11/2009 11:49
    Chi vive nella solitudine decisamente soffre... ed è molto difficile a volte uscirne...

    Un appunto: correggi gli errori... Inoltre, non capisco perchè chi l'ha approvata non te l'abbia segnalato.
  • Salvatore Ferranti il 23/11/2009 11:45
    La solitudine,
    un ricordo da dimenticare...
    brutta bestia la solitudine, cara Francesca,
    un abbraccio