username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Morte in campagna

Taci e ascolta.
Un uccello cade senza vita
nell'acqua torbida
di un fiume.
Nessun canto più,
nessun suono nell'aria.
Il gelo e il terrore
è dappertutto.
Tremano le foglie,
ammutolisce il dolce venticello;
il sole, turbato, si oscura.
Un indescrivibile gelo
si impadronisce delle mie vene.
Muoio anch'io
lentamente dentro.
Seguo l'anima dell'uccello,
ma lei non vuole la mia compagnia.
Torno indietro appena in tempo.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 26/11/2009 11:13
    Bellissima Salva... l'unione con il Tutto...è nella vita... non nella morte...
  • Anonimo il 25/11/2009 21:33
    piaciuta.
  • Kartika Blue il 25/11/2009 21:24
    oh ma che bella!! mi piace tantissimo!!
  • loretta margherita citarei il 25/11/2009 16:54
    mi piace quel torno indietro
  • Anonimo il 25/11/2009 13:40
    ... rimene dentro una traccia di quel viaggio... empatizzare un dolore, farlo proprio... forse con la speranza di alleggerirlo a qualcun altro... alleggerire qull'anima che si stà innalzando al cielo in un volo senza fine... l'unico viaggio che forse... non ha un'inizio e non una fine... credo siano le nostre anime come l'infinito spazio astrale... da sempre... per sempre... Perdoni la mia interpretazione ma i suoi scritti arrivano dentro, bellissima.
  • Maurizio Cortese il 25/11/2009 13:05
    C'è sempre un punto di ritorno... per fortuna. Angosciante e nello stesso tempo speranzosa.
  • Auro Lezzi il 25/11/2009 12:53
    Vedi che la pensi come me.. e' ora di tagliare le penombre..!! Tu esprimi molta più angoscia.. Io ci vado dentro immediatamente
  • Jurjevic Marina il 25/11/2009 11:56
    Ehi.. menomale che sei tornato indietro.. Molto bella poesia caro Salvatore..
  • Alfredo Caputo il 25/11/2009 10:59
    Molto onirica e suggestivamente descrittiva al tempo stesso. Ti fa percepire il dolore, che al tempo stesso è anche gioia, del vivere più profondo dell'anima. Imprevedibile ed interessante il finale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0