PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il ricordo di un amico che la droga ha rovinato

Mi ricordo di un amico
a cui non mancava nulla.
Carino, scherzoso e sorridente,
sembrava essere sempre contento.
Una sera fuori da una discoteca,
il no di una ragazza alle sue proposte
gli fece perdere la testa.
Si bucò e senza pensarci un solo attimo
la stuprò con estrema violenza.
Non si rese minimamente conto
di tutto il male che stava a lei facendo.
Si parlava ogni giorno tra gli amici
di ciò che le era quella sera successo,
e lui tranquillo e sempre sorridente
mostrava disgusto e rabbia rovente...
Un giorno però la polizia vedemmo arrivare,
che l'arrestò per quell'atto di violenza.
Ci eravamo spesso chiesti chi fosse quel bastardo,
che la vita aveva a lei distrutta interamente.
Che duro colpo fu lo scoprire che era lui.
Ed oggi io spero che nella fredda cella capisca
il male regalato e quello della droga subito...
Droga... demone maledetto,
che illusione regala ed ogni bene toglie al cuore.
Quanti ragazzi si sballano per puro divertimento,
bevono e s'annientano l'anima, fino all'eccesso.
Tanti muoiono spegnendo per sempre la gioia vera.
La candida brillante e dolce luce della vita.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • maria angela carosia il 04/05/2016 16:59
    Spero sia definitivamente solo un brutto ricordo passato. Ciao carissima Francesca
  • Anonimo il 15/12/2009 09:17
    Questa tua poesia mi ricorda me stessa, un'esperienza passata, un amico nel tunnel della droga. Molto vera e bella la tua poesia. Brava!
  • Antonietta Mennitti il 26/11/2009 17:05
    Mi spiace per il tuo amico Francesca... la droga e' una grande rovina... anche se smettere e' molto difficile! Brava!
  • Ruben Reversi il 26/11/2009 16:24
    MOLTO DOLORA E TRISTE, IL RICORDARE LE VORAGINI CHE SI SONO APERTE PER IL TUO AMICO,
    CON VERSI STRUGGENTI NE PARLI, DOLCE FRANCESCA, PER NON DIMENTICARE. GRAZIE. BACIO RUBEN
  • Donato Delfin8 il 25/11/2009 21:20
    Triste storia per un racconto breve. Correggere il titolo "... droga Ha rovinato".
  • francesca cuccia il 25/11/2009 19:37
    Ciao max, la mia non è una riflessione ma, una storia vera che ho voluto scrivere, più che altro per dare sempre dei messaggi, non è tanto forse ma, provarci può servire a chi si droga ed ha bisogno di capire magari chi sa qualcuno anche a smettere, grazie comunque per il tuo commento.

    Grazie Cristina, grazie a tutti.
  • Cristina Biagini il 25/11/2009 19:28
    Poesia o non poesia, è una triste verità. Brava.
  • max22 - il 25/11/2009 13:45
    Nulla da dire sull'argomento e sulla forma grammaticale, solo che questa è una riflessione, non è Poesia. Fare poesia non è scrivere ogni cosa ci passa per la testa andando a capo ogni tanto, l'avrei inserita in racconti brevi.
    Mi sorprende sia stata pubblicata in questa categoria.
  • chiara gondoni il 25/11/2009 13:08
    non è una vera e propria poesia,... pero il concetto che hai espresso è triste e purtroppo reale
  • Auro Lezzi il 25/11/2009 11:09
    Il delitto di un amico in cui si riponeva fiducia è molto più grave e duro da superare.. Bella poesia di vita Francè..