PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Suicidio

A te, Musa,
dai tristi occhi di giada,
mi rivolgo:
donami parole
di speranza!

Non sai quanta fatica,
quante lacrime d'alabastro
ho sprecato nel ricercar
qualcosa di così effimere
fattezze: l'amore.

Gelosia, rimpianti,
furibonde liti,
amarezza,
impotenza.

Vorrei esser privo
di ogni umano sentimento,
di ogni ombra
che mi offusca ancor la vista;

così: dedico questa vita
alla miglior rosa del mio
giardino,
non ancor appassita.

E ora, Musa,
ti porgo l'estremo saluto,
voglia tu perdonarmi
della mia infelice
stupidita!

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/01/2014 23:22
    molto apprezzata... complimenti.

3 commenti:

  • giuliano cimino il 30/11/2009 23:08
    d'accordo con te vincenzo... bellissima
  • Vincenzo Capitanucci il 27/11/2009 10:35
    Molto bella... Chiara... vorrei essere privo... di ogni ombra... che mi offusca... la vita...
  • Adamo Musella il 26/11/2009 22:52
    L'amore alle sue più straordinarie conseguenze, quello puro. molto intensa Chiara, baci