PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Idolatra

Amaranta, come questo cuore
sei terrazza di odori
fredda come il salso
di questa terra dura.

Chiedevi del nostro amore,
erano poveri cocci
pasta e sale
immagini compiante
del nostro passato.

Ricorda giovane amica,
il nostro tempo non perdona
si veste di nuovo e dimentica
la festa solletica l'animo
e nuove danze si alternano.

Non cercarmi nella vuota piazza
(la canicola spegne i visi)
ma dove l'angolo s'erge al centro
lì il sospiro si frena e
l'onda sferza la banchina.

Lì troverai il morto cantore
Poggiato al cuore il verso
Sottesa corda e stillato sangue,
lì parca figura ti attenderò.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 27/01/2010 10:10
    la strofa che comincia con 'non cercarmi nella vuota piazza...' mi fa venire in mente certi interminabili pomeriggi di agosto, quando non c'è nessuno per le strade e tutto è solitudine. ottima, come sempre
  • Ruben Reversi il 27/11/2009 18:22
    VERSI DI MEMORIA, DOLCE ISABELLA, IN INTENSITA' DI FLUIRE DEL TEMPO. MERAVIGIOSA. BACIO RUBEN
  • Anonimo il 27/11/2009 17:14
    Complimenti mi piace tanto
    Brava
    ciao
    Angelica
  • Marcello Rivoir il 27/11/2009 15:14
    riesci ad intrecciare immagini apparentemente diverse... mi è piaciuta davvero... complimenti
  • Salvatore Ferranti il 27/11/2009 14:55
    stupenda poesia che ho apprezzato per stile e contenuto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0