PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Coazione a ripetere

Voi
pallidi smunti esseri dai poveri appetiti
un partner che rinnovi la vostra discendenza
un posto come macellai al supermercato dell'indifferenza
feedback che confermino la vostra presa d'incoscienza sul reale
ne avete a sufficienza, è abbastanza per continuare
non rischiare
io ho solo queste povere ossa
forti appena per stringere i tubi del lavello
che gocciola ancora come la pioggia di Novembre
le cagne mi stanno lontano, sentono odore di morte
la mia donna è una Mater Tenebrarum
mi sugge liquido infetto e lo sputa sull'asfalto
infruttifero
ma ho ancora il Potere di dare nomi alle cose
e allora vi canto queste strofe intrise di sangue freddo
che non scalda le mani e non dà domani
coazione a ripetere, fusione regressiva
coazione a ripetere, incesto, maledizione
mia madre non piange più lacrime per me
e non ho niente dietro, nulla davanti
in questa palude
guerriero dell'asfalto
cerco un altare per purificare i miei panni
stenderli al Sole e mondarli dai miasmi
poi lo distruggerò finchè non resterà pietra su pietra
brucerò tutto
lucido, perfetto.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 29/10/2011 20:24
    Ho un gruppo di poesia su Facebook.
    Ho letto questa tua poesia che trovo splendida.
    Mi sono permessa di pubblicarla con il tuo none in cima e in coda all'opera.
    Nella speranza che la cosa ti sia gradita e soprattutto non ti sia sgradita, ti saluto caramente. Il gruppo si chiama " La pergamena dell'anima " .
    Puoi visionarla, se hai un profilo Facebook che peraltro vorrei eventualmente condividere.
    E nel caso fossi contrariato dal mio gesto, rimuoverò immediatamente la tua poesia.

    Sabrina.
  • aleks nightmare il 05/12/2009 12:06
    Grande simo!!!!!
  • Simone Suzzi il 05/12/2009 02:37
    aleks

    NOIA 1999 vincitrice primo premio poesia "orione 2000" sez. giovani
    Una cappa di plumbea pesantezza
    é appollaiata sulla città
    pomeriggi annoiati di giovinezza
    tolgono il fiato alla mia volontà
    la mia mente nuota insicura
    nello spazio di questa stanza
    mi muovo fra queste mie mura
    sperando nella speranza
    disteso nel letto guardo il soffitto
    annoiato dalla mia stessa apatia
    la rabbia di venire sconfitto
    dalla solita compagna mia
  • aleks nightmare il 04/12/2009 11:05
    Simo sempre bravissimo, e pieno di risorse, mi piacerebbe leggere la tua noia, la poesia appesa ai muri di casa tua!!!!
  • Anonimo il 29/11/2009 16:18
    che duro!! bella, simo! quand'è che ti decidi a darti all'hip hop come si deve?!
  • Simone Suzzi il 28/11/2009 03:59
    h kartika! ghetto blaster!
  • Kartika Blue il 27/11/2009 22:10
    Ha un non so chè... di ghetto style!
  • Jurjevic Marina il 27/11/2009 21:10
    Saresti in grado di descrivere la mia bellezza? hahahah O la mia pazzia?
    Dammi tre parole, sole cuore, amore.. la la la la
  • Simone Suzzi il 27/11/2009 20:52
    h
    a te?
    potrei farlo
    veramente
    ho già abb. materiale!
  • Jurjevic Marina il 27/11/2009 20:46
    la mia donna è una Mater Tenebrarum
    mi sugge liquido infetto e lo sputa sull'asfalto
    infruttifero
    Simone.. con questa mi hai messo addosso dinuovo l'ansia.. grrrr
    Scrivimi una poesia, scrivimi la dedica.. felice, con dei girasoli e con delle farfalle