PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La morte di un Serial Killer

Il minimo male commesso
stupra
la mia anima

pur avendo
sempre Te nel mirino
in un contratto
a vita

sono
un serial Killer

semino
morte
nel mio essere
impulsivo

reo
di esplosiva compulsione

prima
o
poi

disgustata
dal mio continuo ferirti
dal mio amarti
malamente

mi lascerai
solo
unendoti
a me

uccidendomi
di brutto

in immortale bellezza

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 28/11/2009 23:34
    Non pensarlo mai, questo è l'inutile lotta con se stessi, non preoccuparti di nulla, amati e ama è già quello che fai. Non giudicarti, perchè quello che ha diritto di giudicare ti ama profondamente. Bellissima poesia
  • Anonimo il 28/11/2009 15:54
    Non ci basta morire... la nostra vera compulsione è quello di tagliarci ogni giorno, vedere scorrere un po' del nostro sangue per ricordarci che in quel rosso vermiglio se ne cola via anche la nostra anima. Ooni giorno teniamo in mano quella lama che poi ripuliamo sulla nostra pelle!
  • giusi boccuni il 28/11/2009 12:43
    prima o poi l'anima ci lascerà, se crediamo che l'anima o l'energia sopravviva al corpo, reo di essere umanamente limitato (a me questo sembra un pregio e la vera grandezza dell'uomo... che gusto c'è dove non si può scegliere fra bene e male, fra bianco e nero?)... dopo ci aspetta una bellezza immortale? un essere senza dolore? ce lo racconteremo quando saremo dall'altra parte... per ora, stando al di qua, la cosa più saggia è vivere con amorevolezza e non farsi del male
  • Rino il 28/11/2009 12:29
    Credo che quello che temi non accadra'. Perchè hai coscienza di quel che sei e di quel che fai, dunque non ti spingerai oltre il limite che il tuo stesso cuore ti darà. E lei... lei non porà fare altro che apprezzare quanto tu sia... sanguigno!
  • Anonimo il 28/11/2009 11:37
    letta e riletta... bella, poi ho pensato... ho dei limiti, delle debolezze, caratteriali, umane.. li conosco... sò a cosa mi portano nel non volerli... superare... migliorare... ho calcolato le conseguenze... l'unico disagio quando le conseguenze le condividono con me altre persone, questo mi porta a cercare di migliorare, ogni giorno, ogni momento... però... grazie questa GEMMA di poesia mi ha fatto riflettere... non è cosa da poco, davvero grazie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0