username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Anelito

T'ho rivisto Sofferenza,

come un vecchio viandante che s' appoggia al bastone,
scruta il cielo e poi riprende il cammino,
così io mi sono appoggiato con affanno su di Te,
tu sola instancabile che mi viene incontro,
tu donna che si getta fra le braccia di tutti:

mia fedele, intermittente compagna,
m'abbandonerai mai?

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/12/2013 00:32
    apprezzata... complimenti.

4 commenti:

  • roberto volpe il 29/11/2009 21:02
    P. s. x Barbara: veramente io la sofferenza la intendo come compagna che va accettata lungo il percorso della vita, perciò mi sembra sbagliato rifiutarla...
  • roberto volpe il 29/11/2009 20:44
    grazie
  • loretta margherita citarei il 29/11/2009 10:42
    intensa, hai ragione nessuno è dispensato da lei
  • Anonimo il 29/11/2009 10:24
    ... spesso è proprio dalle donne che si danno a tutti che si sfugge... ma lei, la sofferenza... non ti lascia scegliere, che sia fisica o interiore... non dà scampo, peseguita... lacera... consuma... la poesia è bella, molto bella... come se si fosse arrivati ad una resa... stanchi al punto di chiedere con dolcezza... mi abbandonerai mai? e comenque fai di me... ciò che vuoi, sono spossato... BELLA. un sorriso per te.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0