accedi   |   crea nuovo account

Chiamatela pure follia

L'uomo
rimase

solo

sul palcoscenico
del mondo
davanti
a realtà
sconvolgenti

i suoi sogni
inauditi
gli graffiarono
profondamente
la fronte

portandolo
su una sedia
a dondolo
alla fonte
del suo essere

si fecero
dispiegando
le ali
in reali celesti certezze

divine carezze

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 29/11/2009 23:54
    Bella.
  • Anonimo il 29/11/2009 12:41
    quanti pensieri si è creato e quanti fastidi, ritornare indietro... beh non sarebbe vano, ma la solitudine... forse è meglio soffrire ed avere tante carezze. ciao Vince e buona Domenica. Salva.
  • Anonimo il 29/11/2009 12:41
    Io esisto tu esisti e in quanto tali figli di Dio, che le Sue carezze siano anche le nostre.. piaciuta
  • Anonimo il 29/11/2009 12:38
    Follia non credo proprio... consapevolezza di sé... buon weekend Vincenzo
  • Auro Lezzi il 29/11/2009 12:00
    Tra le bellezze...
  • Anonimo il 29/11/2009 11:57
    follia??... no

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0