accedi   |   crea nuovo account

La Necessità

Vedo fiori, alghe di prato di giorni opachi senza sole,
Alberi, vivi di foreste di città luci cornicioni
Fuliggine il colore cenere di fiori
Tutti con la faccia al cielo ad aspettare l'alluvione del sole
che arriva
che tarda

In giorni come questi e sento dentro di me che io
sono come tutti alla fine come tanti
io ho la necessità di vederti
di incontrarti...

È una cosa illogica
è una cosa magnetica
e una corda farnetica

RIT.:

Però io ho la necessità
che necessita di te
Non è una curiosità
bambola fragile [Fragilissima
È una semplice casualità
di ragioni non ne ha

Vedo fuori, monti e fiumi desertici dolci
e il tramonto sembra avere i tuoi occhi morbidi
oggi che non ho il cuore pieno
di nessuno

Ho tutto il tempo per decidere
Ho tutto il tempo per rileggere
Ho tutto il tempo per rimordermi le labbra
Ho tutto il tempo per me

È una cosa illogica
È una cosa magnetica
è una corda farnetica

È una semplice fragilità
di cuori liberi la metà
due cuore liberi
la meta di noi
solo fragilità

È solo paura
di sbagliare ancora

 

l'autore giuliano cimino ha riportato queste note sull'opera

scritta nel marzo 2007, parla di una mancanza, in tal caso di una persona, tocca vari argomenti, è il sesso è un elemento, secondario ma non per questo meno importante nella canzone.


0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Emiliana De Fortis il 27/12/2012 18:59
    Mi fa piacere trovare il testo di una canzone, non sapevo che si potessero inserire anche quelle... buono a sapersi.
    Come controcanto alla tua inserirò "La città di Papadoupoulos" che ho scritto nel 2010? Vado a prenderla... ciao Emy (alias Enikò
    La tua "è solo paura di sbagliare ancora...", la mia è un addio dolce di una donna verso l'uomo amato, perduto per sempre. (La storia è puramente inventata, gli uomini che ho amato sono tutti belli, vivi e vegeti, per loro fortuna.) Si tratta di un ricordo che mi porto dentro da non so dove, li chiamano deja vù o ricordi di vite passate... eh, sì sono proprio una tipa strana...
  • giuliano cimino il 29/11/2009 18:53
    grazie barbara i tuoi commenti sono sempre i più belli
  • Anonimo il 29/11/2009 15:34
    "e il tramonto sembra avere i tuoi occhi morbidi, oggi che non ho il cuore pieno di nessuno"... questa da sola... non avrebbe bisogno d'altro... aperti ad accogliere ciò che di bello la vita può ancora dare... perchè la vita ha tanto da donare, sempre, non bisogna scoraggiarsi... guardare avanti, giorno dopo giorno, poi all'improvviso... non si ha più timore di sbagliare ancora... bella, davvero un testo bellissimo.