PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I cavalieri

Stellata, furiosa, rombante
nella fresca sera dormiente
fra l'abbaiar ed il silente
mi ritrovo ivi pensante.
Io da uomo sono tediato
dall'impugnar così tal nulla
sogno il richiamo di culla
ed ammalato e rinfrancato
steso sul giaciglio iracondo
mi par d'aver in pugno il fondo
sono un cavaliere imbranato
vago ed immagino il diverso
con lui combatto ma non lo temo
verso il nulla, son Caronte, remo
ma nell'oblio io sono immerso.
Scuro, urlante oblio, amor mio
sono cavalier privo d'arme
lotto solo dicendo sarme
in nulla credo, non ho Dio
richiedo silente un gladio
da poter esser proclamato
paladino sempre tediato
da essere degno dell'armadio.
Io, paladino disarmato
da voi tutti son reputato
fasullo, briccone, imbranato
non sono unico d'armi privato.
Oh voi ca tanto vi celate
vi scolpisco tali parole
che vi illumino da sole
furbi ed astuti rimirate...
Tali nel cor siete poveri
vi vedo sol come roveri
ridete sorrisi voi tutti
così n'apprezzerete i frutti
Oh cavalieri disarmati.

 

5
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 20/03/2010 09:49
    Lettura che inebria e... disarma.
  • Marcello Rivoir il 30/11/2009 14:16
    vi ringrazio davvero!!
  • vincent corbo il 30/11/2009 07:28
    Non ho parole. Sembra di esser ritornati alla grande poesia dei tempi andati.
  • Anonimo il 29/11/2009 23:21
    Ben scritta.
  • loretta margherita citarei il 29/11/2009 18:07
    scritta molto bene complimenti
  • Marcello Rivoir il 29/11/2009 17:40
    ti ringrazio
  • Anonimo il 29/11/2009 15:28
    caronte di sè stessi... ci accampagnamo denendoci per mano... sino in fondo e dal fondo spesso ritorniamo... avendolo toccato, sfiorato... sempre più forti... sempre più guerrieri con l'anima a brandelli a volte... con il cuore smarrito altre... e del tedio si nutre il cavalliere errante... seguito dallo sguardo del destino che solo per lui... per noi... decide... QUESTA TUA é BELLISSIMA, come vedi non mi trattengo, dovrei legarmi le mani e perdere la ragione per trattenermi, bellissima. GRAZIE.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0