PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inverno

Vortici di bellezza discendo, in
questa sera fredda.
Il paese appare sognante nella luce
rossastra. Le vecchie mura merlate
ostentano lapidi e uno stemma
coronato.
Una ragazza sola, dalla sua finestra
contempla questo ristagno di quiete.
Io cammino lentamente, seguendo
i lampioni ancora spenti, verso la
grande distesa dei campi, in fondo
alla via.
Veronella - Dicembre 1974

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 08/02/2008 10:07
    Urge per ignoranza, richiesta di informazione: Veronella è un paese?
    Anche se non mi trovavo lì in quel preciso momento sei riuscito a freddare l'immagine e conservarne una parte nei meandri della memoria. "Le vecchie mura ostentano[...]uno stemma coronato" mi stai facendo camminare per le vie di un vecchio borgo... eppure questo con malinconia avverto il vuoto di qualcosa che c'era e ora non c'è. Una sera fredda... il tramonto... ristagno di quiete... lapidi... involontariamente che tu abbia trascinato in questi versi l'avvicinarsi mesto della Fatal Quiete?
    Non per la composizione quanto per l'espressività mi è piaciuta a dir il vero... Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0