username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Come inghiottita dal vuoto

I capelli rossi
a incorniciare
il viso, sostenuto
da un collo sottile,
amabile, nervoso.
I grandi palmi,
le lunghe dita,
che tante volte mi
hanno accarezzato,
nelle notti di sognante
abbandono.
Raccontano che un giorno
nella bruma ti sei
inoltrata, senza lasciar traccia,
come inghiottita dal vuoto.
Del tuo corpo
conservo un dolce ricordo:
i capelli rossi,
il collo sottile,
i grandi palmi.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 07/12/2009 22:40
    Quel vuoto non ha inghiottito l'essenza di questa splendida creatura.
    Bella.
    Ciao Fabio.
    nel
  • Kartika Blue il 30/11/2009 22:04
    Bellissimi ricordi che non verranno inghiottiti dal vuoto perchè ben impressi nella mente!!
  • Anonimo il 30/11/2009 21:09
    Bellissima Fabio.
  • francesca cuccia il 30/11/2009 18:40
    Rimangono sempre e solo ricordi Fabio di ciò che fù, bella.
  • Anonimo il 30/11/2009 17:30
    leggendola mi si è aperto un palcoscenico... luci soffuse... un pianoforte... lei, dita lunghe... pelle color avorio... rossi capelli raccolti mentre musica questa poesia, molto molto bella.
  • loretta margherita citarei il 30/11/2009 11:44
    bella dolce
  • Jurjevic Marina il 30/11/2009 11:26
    Ricordi... che a volte preferirei non avere.. Bravo Fabio, non perdi mai l'intensità
  • Anonimo il 30/11/2009 09:45
    Bellissimi ricordi... dolci...
  • Salvatore Ferranti il 30/11/2009 09:39
    bel ricordo,
    un ritratto garbato.
    bravo
  • Andrea Zotta il 30/11/2009 09:35
    Migliorabile.
    Bravo complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0