username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Equilibrio

Salgo su un autobus
c'è parecchia gente
solo quando riparte
dopo aver chiuso le porte
capisco
quello che sta accadendo
la mia vita traballa
non riesco a rimanere in piedi
l'equilibrio m'inganna
cadrei di sicuro a terra
se non avessi la prontezza
di aggrapparmi ai sostegni
non controllo più i movimenti
sono solo bravo ad ondeggiare
avanti e indietro
guidato da forze aliene
da corpi estranei
da ogni cosa stia fuori
fuorchè da me stesso
mi scopro debole
incapace
nervi tesi alla resistenza
chissà ancora per quanto tempo
avrò energia
avrò voglia di tenermi
di non lasciarmi andare
al destino che mi vuole
caduto
peso morto
le mie mani diventano rosse
siamo ad un bivio
spero solo che l'autista
non mi colpisca al cuore
frenando di colpo

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Anonimo il 26/01/2010 11:22
    carina questa metafora della vita
  • Alessia Amato il 02/12/2009 08:45
    Ecco... ho praticamente rivissuto l'angosciante esperienza dell'autobus... hai concretizzato i sentimenti di molti, piaciuta!!
  • simona ghezzi il 01/12/2009 19:56
    Mi ha trasmesso quel quotidiano che arriva ad opprimerti! E poi l'autobus lo rispecchia proprio. Mi è piaciuta, bravo.
  • fabio amato il 01/12/2009 09:00
    Molto bella
  • Anonimo il 30/11/2009 21:05
    Bella.
  • francesca cuccia il 30/11/2009 18:38
    Questa è la vita quotidiana, bravo Salvo.
  • Auro Lezzi il 30/11/2009 18:33
    Nel fantastico dialetto napoletena si direbbe lui "Trammea".. Io poi anche oggi ho perso l'autobus..!!! Hii.. hiii
  • Anonimo il 30/11/2009 18:23
    non lasciarmi andare al destino che mi vuole caduto, peso morto... a volte il destino è beffardo... ci mette tranelli lungo il percorso... ci mette alla prova, lui dice...è segnato, il tuo percorso è segnato... però visto che mi annoio... vediamo un po' di movimentare lo scorrere del tempo... tranelli, inganni,,, terreni minati... il destino a volte si prende gioco di noi...é bellissima questa tua ppesia, come sempre del resto, sino ad ora... ho raccolto tanti diamanti in questo sito e mi sento decisamente un pochino più ricca, ricca dentro. GRAZIE.
  • giampaolo marcialis il 30/11/2009 18:10
    Salvatore, nella vita di tutti i giorni ci vuole molto equilibrio, guai a cadere. Sarebbe molto difficile rialzarsi.
    Ma noi , finchè siamo vivi, dobbiamo avere la forza e la volontà di restare in piedi. È necessario.
    È una bella poesia, merita il voto più alto : cinque stelle.
  • giovanna raisso il 30/11/2009 16:51
    la vita traballa in equilibri incerti che assecondiamo per non cadere, cercando pilastri in noi stessi e schivando colpi mortali..
    bravo salvo
  • Anonimo il 30/11/2009 16:27
    Molto bella! Complimenti, Miriam.
  • Anonimo il 30/11/2009 12:24
    molto bravo a descrivere le emozioni..
    complimenti
  • loretta margherita citarei il 30/11/2009 11:46
    molto bella
  • anna rita pincopallo il 30/11/2009 11:22
    non prendere l'autobus... meglio il taxi!!!!
    Dai sto scherzando. Come sempre molto bella!
  • Vincenzo Capitanucci il 30/11/2009 10:31
    Splendida Salva... un ondeggiare fra forze aliene...
  • Patty Portoghese il 30/11/2009 10:15
    Descrivi in modo sublime la tua realtà e i tuoi sentimenti.. tra la gente.
  • Anonimo il 30/11/2009 09:51
    Non preoccuparti, avrai ancora voglia di tenerti saldo... finchè te ne rendi conto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0