PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non c'è

Sono qui,
non sento il sapore della tua bocca di fragola,
il tuo respiro su di me,
non c'è una ragione che mi liberi l'anima
nel pensare alle nostre notti di follia.
Inevitabile è pensarti.
Fammi entrare amore nel tuo labirinto
voglio perdermi dentro te.
Questo amore ci darà grande energia
ci aprirà un varco tra la realtà e la fantasia.
Esisti solo tu.
È inevitabile ormai
questa unione tra di noi.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Cristina Cirstea il 26/02/2011 06:37
    mi piace tanto questa poesia francesca.
  • Isaia Kwick il 04/04/2010 02:56
    L'amore con i suoi mille intrighi. Molto bella complimenti, genera passione.
  • Antonietta Mennitti il 01/12/2009 08:08
    Dolcissima...
  • max22 - il 30/11/2009 22:06
    Ragazza mia vista la foto nel tuo profilo mi par ovvio, tornando all'opera, se fossero state solo tue parole sarebbe stato un gesto di grande amore per la tua cantante del cuore, ma praticamente hai trascritto buona parte della canzone, aggiungendo qualcosina di tuo... in ambiente artistico questo si chiama plagio, nel nostro caso far bella figura con le parole di un altro.
    Perdona la mia schiettezza, ma non è la prima volta che questo succede, e immancabilmente, se si smaschera la cosa, ci son anche critiche negative. Fa parte del gioco.
  • francesca cuccia il 30/11/2009 22:00
    Ciao max22, sono contenta che te ne sia accorto di questo ma, credo che tu non ti sia accorto che sono una fans ed è per lei, grazie ciao.
  • Anonimo il 30/11/2009 21:46
    Bella, piaciuta.
  • Anonimo il 30/11/2009 21:45
    poesia molto amorevole e dolce, parole scritte dal cuore. bellissima.
  • max22 - il 30/11/2009 21:43
    Complimenti a Laura Pausini per averti prestato la sua canzone "non c'é", scopiazzata alla grande.