username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Essere sicuri

Offeso dalla mancanza di idee,
angosciato,
quasi vinto,
cerco di andare avanti picchiettando sui tasti.

eccola quella vocina interiore che mi solletica,
che mi dice di non fermarmi,
di continuare,
di scaraventare parole sui fogli
come fossero
figli ripudiati,
come fossero
nuvole di fiato ghiacciato
perse in notti fredde e limpide.

non fermarti caro mio,
non fermarti,
costruisci la tua opera
sulle sabbie morbide
e non fregartene di cosa penseranno
quando la leggeranno,

costruiscila così,
come ti viene,
buttala giù come fosse
uno sciroppo troppo amaro,
come fosse un ricordo che vuoi
dimenticare.

dalle poco peso,
umiliala,
violentala,
offendila,
incazzati,
asciugati le lacrime urlando,
ridi di lei senza vergogna,
plasmala senza pensarci troppo.

pensa piuttosto
a cosa succederà nel momento in cui sarà finita,
nel momento in cui la metterai insieme alle altre,
in quel caos appiccicoso di fogli consunti.

pensa a cosa succederà intorno,
nelle altre città,
nelle strade buie e in quelle assolate,
nella stratosfera,
nei vulcani spenti,
nei negozi di dischi usati.

pensa che non cambierà niente,
niente,
ma avrai vinto di nuovo.

Ne sei sicuro?

Beh, si.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • ELISA DURANTE il 30/09/2010 08:16
    Quando l'opera del poeta, o dello scrittore, è "mestiere", e non improvvisazione o sfogo di un momento, è proprio così che accade. Molto piaciuta!
  • Marysun... il 11/07/2010 09:14
    Mi sono ritrovata molto nella tua poesia.. non importa che fine farà ciò che scrivi, l'importante è farlo emergere.. perchè se esiste un senso ce l'ha.. anche se l'insicurezza ci annebbia il cervello e il cuore.. e poi, a buttare via il foglio ci vuole meno di in secondo.. ma se quel foglio rimane bianco, abbiamo perso noi.. come dici tu
  • Ivan Bui il 22/02/2010 09:57
    Il però era riferito a una frase scritta prima.
  • Ivan Bui il 22/02/2010 09:56
    ... i tuoi versi però sono molto belli, come sempre ti lasciano qualcosa dentro, anche qualche interrogativo. Leggi e pensi che quelle parole avresti potuto scriverle anche tu, l'importante però é che vengano lette. Bravissimo.
  • Ugo Mastrogiovanni il 28/12/2009 12:17
    Propositi molto validi e costruttivi, pensiero di vero poeta.
  • Anonimo il 01/12/2009 20:03
    L'opera di una vita, ricca di emozioni di ogni sorta, emerge in versi estrememente sentiti e sensati. Bella.
  • Duccio Monfardini il 01/12/2009 13:46
    Grazie ad entrambe! Un abbraccio!
  • Anonimo il 01/12/2009 13:43
    vinto una battaglia... pronti per la prossima... in questa vita che a volte assomiglia ad una guerra... in lotta con il nostro tormento... i nostri pensieri... prendono le decisioni le emozioni a volte la rabbia altre ancora.. peggio... il rancore... la cosa più importante è non lasciarsi andare continuare a scrivere... creare... mantenere viva quella fiammella che arde dentro ed impedire che un forte temporale la spenga... ed anche se non cambierà nulla... forse sarà solo apparentemente... dentro si cambia sempre... spesso non ce ne rendiamo conto...è molto molto bella, grazie.
  • Anonimo il 01/12/2009 12:32
    Duccio
    è molto bella questa tua opera
    il tuo scrivere, è inciso e realistico
    sei proprio bravo
    ciao
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0