PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La paura di essere bambino

Rimpianti
suggestioni
speranze

vivono
nella maternità

delle mie notti
psichiche

il nostro essere
sognante
si fa chiave
di Sol

aprente

in un raggio musicale
le armonie celesti
di questo buio Universo
senza Cuore

nel giorno
non vuol nascere
non vuol crescere

il bimbo

piange
lacrime di sangue

temendo di essere
calpestato
ancora
una volta

negli infantili palpiti della sua innocenza

trema

alla vista dei nostri pesanti incoscienti piedi

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • M. Vittoria De Nuccio il 03/12/2009 15:51
    MERAVIGLIOSA!!!
  • Anna G. Mormina il 03/12/2009 11:16
    "... negli infantili palpiti della sua innocenza...", ma quanto è bello invece, essere, avere il cuore di un bambino,... lacrime di sangue però, in questo mondo di adulti col cuore 'adulto'...
    ... Splendida Vincenzo!!!!
  • Anonimo il 02/12/2009 22:08
    il bimbo... schiacciato, sepolto, soffocato... quello che abbiamo in noi... tremanti a volte... smarriti altre... quelli che abbiamo davanti o ci passano a fianco... siamo comunque sordi... comunque sordi... bellissima.
  • Anonimo il 02/12/2009 22:07
    Vincenzo e' meravigliosa...
    la conservo
  • Anonimo il 02/12/2009 18:32
    Parole dipinte con dolcezza e tenerezza, complimenti! Miry.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0