accedi   |   crea nuovo account

Santi di Marzo e lune nuove

Metallo puro di luce e stelle
sole compagne al buio e
mietere grano come sangue,
gemevamo distanti ma schiavi
dello stesso padrone.

Giunge la lenta processione
In questo marzo estivo che
divide con santi spogliati
il ritiro di povere anime.

Fosti covo di prato e luce non nuova
sei ora mortaio per pane
e carne domestica
tra cani feroci affamati.

Dividi dal vento il respiro e
recidi la rosa sotto la spina,
ora che dormi e mastichi
lo stesso mio pane benedetto
altra luna imprime le nostre orme.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 26/01/2010 21:08
    tu sai cogliere particolari che ad altri sfuggono, e il modo in cui li presenti è unico. bravissima
  • loretta margherita citarei il 02/12/2009 21:44
    bella scritta bene
  • Anonimo il 02/12/2009 19:42
    Metafore affilate come lame..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0