PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pietre sulla strada

Il ponte sotto i nostri piedi
scivolava via,
scivolavano le bombe
che lo facevano a brandelli.
I minareti alla preghiera
chiamavano,
rispondevano i campanili.
Batacchi sordi
alle stesse preghiere,
e noi in ginocchio...

Il mio ponte
il ponte mio
dell'infanzia mia
gettata al fiume come roba vecchia
e il fiume come una madre
che l'abbracciava
in un tonfo di tuono
e io
che avevo il cuore in mano
e la mia mano nell'acqua
a catturarne i pesci
e di bambino rivedevo
il gesto,
io che avevo del mio fiume
il rispetto
dello stesso suo figlio
ero lì disperato e spento.

Mio padre mi prendeva di peso
e via mi portava
di corsa verso casa
che il mio rovescio del mondo allora
pareva il vero
e il vero era rovesciato
e allora piangevo
che il monte sputava il fuoco
e la gente cadeva a terra
e nel sangue rappreso restava giorni.

Vedevo l'acqua
delle bottiglie bucate,
alla fabbrica della birra
vedevo il ponte
cadere...
ed io che mai
sarei caduto
mai
invece caddi.
Impossibile era credere

12

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • B. S. il 16/02/2010 17:02
    "Il ponte della mia infanzia..." bellissima questa immagine e splendida questa poesia, tristemente delicata...
    Bravo Fabio, un bacio.
  • cesare righi il 16/02/2010 14:58
    che dire se non che è magnifica.
    Parla, mi pare, di un passato non troppo lontano, ma sembra sia una premonizione futuristica. Vi è tutto, l'abbraccio degli dei che prendendosi per mano supplicano gli uomini di smetterla. Un bambino che ha solo certezze e nonostante scopra che si può anche cadere continua a vivere. La chiusa è l'unica che poteva esserci... fermo, ma non solo riferito al padre. Fermi tutti, fermo mondo di girare se questo è il risultato, padre mio ferma questo mondo. Pietre sulla strada, ma pietra su pietra si potrà anche ricostruire
  • Maria Piera Pacione il 05/12/2009 22:36
    poesia veramente toccante... le tue parole sono pillole di vita vera
  • Anonimo il 03/12/2009 17:45
    bella, ogni parola uno squarcio di vita vissuta... ogni parola un'emozione... dolcemente struggente... grazie di aver donato un poco di te, un poco della tua storia di vita.
  • Vincenzo Scognamiglio il 03/12/2009 16:40
    Bellissima.
  • isabella zangrando il 03/12/2009 16:30
    stupenda, non riesco a dire altro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0