username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Una vecchia canzone

Una vecchia canzone
è la radio
la complice
di questo trabocchetto
io leggo un libro
un romanzo
che parla di un uomo
e del figlio cieco
storia drammatica
che mi trattiene alla pagina
ma sono le parole
che viaggiano nell'aria
ad avere la meglio
su quelle stampate
sanno come fare
mi riportano indietro
a quando ero solo un ragazzo
con tanto desiderio nei muscoli
e nel cuore
c'è la musica adesso
ha riconquistato la mia stanza
dopo tanto soffrire
c'è la musica
e basta
il libro è caduto a terra
fulminato dal ritmo
si muovono le labbra
ad improvvisare un playback
non mi serve chiudere gli occhi
per tornare a quel giorno
quando non avevo ancora la barba
ad un centimetro
dalla bocca di una ragazza
di cui non so più niente da vent'anni
ma che importa adesso...
Mi avvicino ancora un poco
la canzone non è neanche a metà
allungo il collo e la bacio
l'inviterò a mangiare una pizza
stasera
saprò come convincere questa canzone
a riprodursi all'infinito
quando il tempo
avrà deciso per noi
che sarà finita
perchè ho la musica nel cuore
e lei mi stringe forte al petto
come fosse questa la prima volta
e non quella d'allora

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Kartika Blue il 06/12/2009 14:10
    un bellissimo sogno ad occhi aperti!!
  • angela ambrosini il 04/12/2009 09:02
    bella, mi piace
  • Anonimo il 03/12/2009 22:43
    come spesso dico... tutto rimane, conservato nello schedario della mente... nel forziere del nostro cuore... una conzone... un colore... un alito di vento o il profumo di un fiore... a volte una coccinella che si posa sulla tua mano o una farfalla... e si apre uno scenario... ricordo che si credeva dimenticato... molto bella, davvero molto bella. grazie.
  • loretta margherita citarei il 03/12/2009 22:14
    molto bravo
  • francesca cuccia il 03/12/2009 21:35
    Basta poco per rivivere i ricordi vivi come un tempo, molto bravo.
  • Anonimo il 03/12/2009 21:27
    Bellissima poesia, fai sentire le tue stesse emozioni... mentre ho letto i versi facevo il tifo per te!!
    Complimenti e grazie...è bello leggere e sentire...
  • Anonimo il 03/12/2009 21:10
    I ricordi che non sfioriscono mai, sono come i fiori finti basta bagnarli con un po d'acqua e tornano come prima... piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0