accedi   |   crea nuovo account

Progresso Instancabile

Mi hanno fatto piangere
lacrime nostalgiche
mi hanno sbattuto in faccia
la loro sporca realtà
e mi si è rotto il naso.

Ma loro giocano sull'apatia
e sui sentimenti del poeta
unico, forse, a vedere la vecchia industria
qualche sera
e ad averla pungente
come una spina nel cuore.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Marco Giunta il 06/12/2009 21:16
    Grazie zio, lo spero davvero
  • Anonimo il 06/12/2009 21:10
    La tua Arte, caro Marco, è capace di rimuovere le spine...
  • Marco Giunta il 04/12/2009 14:13
    Grazie
  • Vincenzo Capitanucci il 04/12/2009 12:22
    Molto bella Marco... ancora l'unico a vedere la rovina del mondo..
  • angela ambrosini il 04/12/2009 08:54
    molto dura ma molto bella.
  • Anonimo il 04/12/2009 00:04
    la poesia ha segnato il percorso di vita di molti... ci siam deliziati l'animo e lo spirito di POETI che da tempo non ci sono più... a volte non comprendendo pienamente... e forse di alcuni non si comprenderà mai completamente... chi oggi è poeta nella via di mezzo del proprio percorso si ferma un attimo e osserva... credo che più di ogni altro soffra... vedendo quello che il mondo sta diventando... e quelle spine incidano nel cuore ferite... difficili da rimarginare... molto bella.