PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La pioggia e la luna

Il fiume era un letto in piena
e Genova,
un mare in tormenta.
La croce segnava il cielo
decidendo
la costellazione da seguire,
i pesci
superavano tranellimpervi
e correnti improvvise spingevano già
la barca alla deriva.

Ebi vociava dal suo scranno
finché non si piegò dondolandosi
mentr'io correvo appeso
al filo della luna
e già schiamazzavo guardando il cielo.

Mia madre, una giovane madre
dagli occhi un po' tristi
severa e affaccendata
reggeva la notte con la sua piccola mano
e mio padre uomo straordinario
dominava la sua anima inquieta
tra l'ago, il filo
e la stoffa del mio mantello.

La città era ai piedi
un bosco di ciminiere fumavano grigie,
il proletariato era al lavoro
e aveva una voce
che tosta tuonava.
Il bar vendeva bionde
... di contrabbando
e la guerra chiusa da vent'anni
ancora
si sentiva lacrimare.

Così sono cresciuto mi si perdoni
tra le sirene delle navi
sopra la città
e a scuola
che si cantava bella ciao.

Oggi, corro ancora dietro alla luna
perché così sono vissuto
ma tutto il resto è scomparso chissà dove
la confusione regna sovrana
non si riconoscono più le strade
ed ogni strada è sempre sbagliata.
Il fiume è in secca e l'estuario ingombro.

Quando la dura pioggia cadrà
strariperà
ed io sarò sulla barca
inquieto patronimico anch'io
a guardar il porto sollevarsi
ed accanto a me col binocolo in mano
giovane, un capitano
mi chiederà il Che fare.

Già pronto sono
che il palmo della mano sente già
la prime gocce
cadere...

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Maria Piera Pacione il 05/12/2009 22:30
    complimenti sai far vivere i tuoi versi...
  • Aedo il 04/12/2009 23:45
    Mi piace molto il tuo stile poetico, lineare, diretto. E poi la storia, espressa in modo mirabile, mi ha veramente interessato. Bravo!
    Ignazio
  • loretta margherita citarei il 04/12/2009 14:57
    molto belli i concetti espressi
  • Anonimo il 04/12/2009 14:04
    cambia tutto così in fretta... tranne la luna nel cielo e l'infinito del mare... la pioggia rimane... con la sua forza e la saggezza di un uomo.. quella cambia... cresce, si rinnova... fortunato quel giovane capitano ad avere vicino... un grande maestro... molto bella. Grazie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0