username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Pago Pago e Bora Bora

Rimango di stucco
dall'accostarsi e il distacco
dei colori
di questi mari.
Mi sembra un percorso
di terra scarsa
percorsa di corsa.
Seguendo la sabbia della spiaggia
"scotta, mannaggia"...
mi porta in una Loggia.
Irreale, inverosimile
impossibile
non ci sono mai stata
ma l'ho sognato
immaginato.
Lo sento, qualcosa accadrà
prima o poi ci andrò.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • giuliano paolini il 31/03/2013 13:29
    i mari lontani ci lanciano un richiamo irresistibile perchè quelli vicini ci sembrano troppo chiassosi, sono le persone che ci fanno sembrare migliore o più soffocante un luogo, ma la colpa non è di nessuno semplicemente la vita fatica a scorrere attraverso di noi in un suo alveo naturale e troppo spesso il concetto di vita che vorremmo vedere sviluppato è in contrasto con la realtà e finiamo per soffocare anche chi pare non comprendere il nostro voler essere permeabili. un abbraccio caloroso
  • Vincenzo Capitanucci il 05/12/2009 10:10
    Molto bella... Cristiana... dopo un po' che hai vissuto a piedi nudi... i tuoi piedi sono liberi... duri come corallo...

    Paradisi terrestri...
  • Salvatore Ferranti il 04/12/2009 19:02
    piacevole lettura... mi è piaciuta
  • Anonimo il 04/12/2009 19:00
    un altro mondo che a volte fa rimpiangere d'andar via, ma ci si può consolare anche col nostro mondo. ciao salva.
  • loretta margherita citarei il 04/12/2009 17:01
    simpatica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0