PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Riflesso

Ma. Ogni senso pur autonomo reale è dissenso?
Se si sta seduti troppo sul bordo del fiume si vedono passare
rottami di motorini carenati a specchio e cadaveri di nemici
di guerre ormai troppo antiche
per essere vinte su questi terreni
paludosi
guazzabugli.
Meditando m'amai come vorrei tu potessi
m'innamorerei del me che vedo riflesso nel tuo amarti
e questa immensa felicità sarebbe la nostra
colomba lucente e ovviamente
antiteista che Dio è un apprendista in materia
una goccia di sputo che lubrifica la dolcezza
dell'amore sincero
e preciso come una dardo scoccato
traboccante dei suoi specifici puntuali perchè
fiori viola
ametiste e metastasi
estasi.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Raffaele Arena il 11/09/2011 21:47
    Trovo questo tuo componimento davvero valido. Sentimento che esprimi in modo calzante in parole originali, che dimostra sentimento e voglia di amarsi per poi riusire ad amare.
  • Dolce Sorriso il 09/12/2009 14:41
    sempre bravo
    bella
  • Jurjevic Marina il 06/12/2009 20:19
    Un desiderio... allora chiama la tua fatina..
  • Simone Suzzi il 05/12/2009 01:57
    un desiderio
  • Jurjevic Marina il 05/12/2009 00:10
    Tesoro..
    Meditando m'amai come vorrei tu potessi
    m'innamorerei del me che vedo riflesso nel tuo amarti
    e questa immensa felicità sarebbe la nostra
    Molto bella riflessione.. sempre il tuo stile, ma c'è un qualcosa in più. C'è... un invito.