PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cosa resta?

I° Generazione
Il diaframma percosso dalla musica
Il brivido di una carezza inattesa
Sulla pelle il freddo delle ossa
Il delirio della paura

II° Generazione
Il pensiero, setaccio della memoria
Entità autonoma senza veli senza dignità
Milioni di simboli che si ricompongono
Che si contaminano a vicenda
Piccole isole di felicità

III° Generazione
Parole, troppe o troppo poche
Urlate sussurrate attese negate
Vestite di sorrisi o appannate dalle lacrime
Parole non dette serrate fra i denti
Parole sottovoce
Trasportate dal calore del respiro

IV° Generazione
Simboli vomitati sull'asfalto della memoria
Per gravità, distesi l'uno accanto all'altro
Emersi in superficie come il grasso nel latte
Piccole bolle di coscienza
Specchio distorto delle nostre speranze
Come monconi di pensieri

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 05/12/2009 10:32
    Un viaggio introspettivo e generazionale descritto ottimamente. Ciao Monica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0