username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tempo di raccolta

Sotto alberi di carrubo
spensi la sete
dopo aver riempito sacchi
di gustoso frutto
ai margini dell'abisso
riposai le gambe
non ebbi il tempo
di soccorrere una vacca
che precipitava
lungo un costone di roccia
il sudore asciugai
all'ombra
prima di tornare
a cuore battente
al fresco dell'antica casa
dove vissi
per il resto dell'estate
leggendo libri
e dando da mangiare alle capre

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • Anonimo il 02/07/2010 15:13
    Io ho la fortuna di poterla rivivere ogni anno la campagna per ho una casa in montagna... e divento sempre più intollerante al vivere nel caos cittadino... l'uomo è nato nella natura e la città non è il suo posto..
  • Elisabetta Fabrini il 02/02/2010 13:26
    la campagna.. abbiamo dimenticato cosa sia. grazie ai tuoi versi ce la ritroviamo davanti con semplicità.. bravo, è molto bella!
  • Giusy Montalbano il 09/12/2009 14:12
    Bellissimi versi... reali e colmi di pura semplicità e nostalgia. immagini di pura poesia dettati dai paesaggi della natura.
    Apprezzata e gradita, davvero.

    Giusy
  • Donato Delfin8 il 09/12/2009 13:39
    Bella
  • Maria Gioia Benacquista il 08/12/2009 15:25
    Immagini di vita agreste, quiete e un senso di armonia con sé stessi e con la natura.
    L'immagine della vacca che cade nell'abisso gli da un tocco quasi onirico.
    Bella e simpatica.
  • Vincenzo Capitanucci il 08/12/2009 08:43
    Le Vacche Sacre... dei Veda... son nascoste nelle grotte degli Abissi... non hanno le ali... delle Capre... per scalar Montagne...

    Bravo Salva...
  • vincent corbo il 08/12/2009 07:59
    Mi ha trasmesso un senso di serenità. I bei tempi andati rivissuti con un impercettibile velo di nostalgia.
  • Anonimo il 07/12/2009 23:02
    ... l'uomo buono vorrebbe salvare il mondo... e forse sarebbe eliminato... come è già stato... l'uomo saggio... cerca di mantenersi in salute per insegnare a tante altre persone che si può e si deve cercare di salvare quanto più si riesce... incominciando da chi si ha più vicino... allungando una mano... regalando sollievo... bellissima... a parte lo scenario... meraviglioso che hai descritto... vi leggo tanta saggezza... perdona come sempre il mio viaggio.
  • Adamo Musella il 07/12/2009 20:32
    Camminammo in lungo e largo, mai trovammo pace; ora il ritorno leggendo le tue parole Salvatore, molto bravo, ciao
  • Anonimo il 07/12/2009 20:25
    Complimenti sembrava leggendola di essere li con te.
  • Antonietta Mennitti il 07/12/2009 19:58
    Che profumo di campagna arieggia in queste rime... immaginando fattorie e campi in fiore dove capre e mucche scampanellando brucano l'erba pascolando liberi tra l'erba! Peccato per quella vacca Salvatore!!!!!
  • Anonimo il 07/12/2009 19:36
    sempre bravo!
  • Anonimo il 07/12/2009 19:20
    Belle immagini campestri!
  • Aedo il 07/12/2009 19:08
    Immagini molte belle! Bravo, Salvatore!
    Ignazio
  • Auro Lezzi il 07/12/2009 18:51
    La poesia che dona serenità.. Vivere è stupendo sempre..
  • Anonimo il 07/12/2009 18:41
    Vita di campagna... vita sana... bravo Salvatore!!
  • Anonimo il 07/12/2009 18:37
    Mi mi manca troppo il contatto con Madre Natura
    ora son da troppo tempo senza recarmi e donarmi a lei
    grazie per aermi regalato queste belle immagini
    ciao
    Angelica
  • loretta margherita citarei il 07/12/2009 18:37
    bella descrizione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0