PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

è quasi giorno

è quasi giorno
e me ne accorgo solo adesso,
le forme di un corpo
che danno più amarezze che gioie al proprietario,
un sorriso accende per un attimo l'attesa di chi in quell'attendere
riversa tutto il carico del suo non voler essere impegnato in cose più serie,
sprofondato in una vasca di pura essenza
dove il cielo si fa carico del concetto stesso di bisogno
e la distanza tra gli esseri è già svanita
l'acqua diviene sorgente senza fine
ed il movimento si spoglia delle leggi che lo regolano
il tui bird ha un aspetto anonimo,
ma quando canta
la sua modesta immagine svanisce
la sua incredibile melodia
è la sola cosa che rimane.
una volta hanno chiesto a nijisky
come riuscisse a restare sospeso in aria
quasi rifiutandosi di voler scendere
lui ha risposto:
non esiste risposta,
la sola cosa che posso dire è che ad un certo punto
la danza si impadronisce così totalmente di me
che il ballerino non esiste oltre
e la magia è così libera di accadere.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • aleks nightmare il 13/12/2009 12:14
    Boreale!!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 08/12/2009 17:56
    e la magia...è... così libera di accadere...

    Bellissima Giuliano... danza di sorgente.. senza fine...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0