accedi   |   crea nuovo account

Città

Nel paesaggio tinto di blu
il vento sospira le ultime scelte
e le case sopravvivono
alla tempesta.
Le luci spuntano dalle finestre
e i bagliori notturni
celano un calore incomprensibile,
nascosto.
Non si sente nulla, in questa notte
la sera assale inquieta il mondo,
il vivente, le vie
di questa città di amore,
di questa città di odio.
Gli occhi di tutti i suoi abitanti,
li si può vedere sui muri,
nei campi, nei boschi,
nei bar affollati, e nei bar vuoti.
Le voci che scorrono nella piazza,
fino al limite della natura,
accompagnano la mia mente
ed il mio destino,
comunque vadano le cose,
e ovunque.
La città che con i suoi fatti,
la sua religione privata,
le sue usanze, i suoi misteri,
e le sue regole, ha cresciuto
e cresce ancora.
Una parte di cuore e di fegato
la devo anche a lei.
Perchè solo chi non riconosce
la propria storia, fatta anche di errori,
non può capire il suo domani,
sperare in qualcosa, aprire le mani
alla vita, cercare di creare,
ma con i momenti incisi nello spirito,
come cicatrici accettate.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 11/12/2009 22:44
    immagini urbane ben disegnate dove pian piano si delinea la figura umana che cresce all'interno della città e nel suo incessante scorrere.
    piaciutissima
  • Dolce Sorriso il 11/12/2009 09:29
    piaciuta
    bravo...
  • stefano manca il 10/12/2009 23:19
    ... come un albero che per crescere e fiorire deve stare attaccato alle proprie radici... e ne conserva tutti i segni che gli tracciamo sulla corteccia... bella. ciao a presto
  • Jurjevic Marina il 10/12/2009 22:25
    Carissimo.. una poesia spettacolare. La propria città, i sapori, profumi, la gente che vagabonda cercando uno scopo che chissà se mai troverà.. bellissima poesia, mi fai riflettere
  • Anonimo il 10/12/2009 19:54
    Posso dire anche io: CAZZO CHE BELLA!!!!! A volte una parolaccia usata bene rende meglio l'idea, in qs caso una reale ammirazione. Ciaooooooooooooooooooooo
  • Andrea Ortelli il 10/12/2009 18:21
    CAZZO... che PAROLE, tu si che scrivi col cuore DIFFICILE FARE MEGLIO
  • Simone Suzzi il 09/12/2009 23:24
    bellissima aleks.! davvero! hu!
  • Vincenzo Capitanucci il 09/12/2009 10:57
    Splendida Aleks... una parte di Cuore e di Fegato... la devo anche a lei...
  • Anonimo il 09/12/2009 01:49
    Vero Aleks, chi mnon mente a se stesso e si riconosce, con cose belle e brutte dentro di se e si accetta perdonandosi
    gli errori non potrà mai sperare di rinascere... mentre tu sai chi sei e cosa sei... ora apri le mani per prendere quello che di buono arriva...
    un abbraccio Dani

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0