PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Educazione

Dimmi
cosa devo fare
come e perché
devo stendere il mio sangue sull'asfalto
come colore su una tela postmoderna
o centrifugarlo per mondarlo?
Devo seguire le stesse orme per sempre
le impronte dei giganti
scavate dalle trivelle del progresso imposto
e i miei ruscelli d'acqua pura
si inquineranno nelle strade già tracciate ancora?
Quanta pazienza ci vuole per disegnare nella roccia
un percorso?
Devo punirmi da solo?
Come vuoi che mi uccida?
Lentamente, per darti l'illusione di non esserne colpevole?
Subitaneamente, per essere accusato di viltà?
Ogni giorno un poco, per rendermene conto troppo tardi?
E il perdono, questo immenso amore,
questo abbraccio lievitato dall'esperienza
dalla lucidità dalla comprensione
a cosa serve? Non è meglio la vendetta?
Almeno essa è sempre a senso unico.
Escludo la ripicca reciproca ripetuta,
perché la mia vendetta sarebbe mortale.
Tagliami bruciami picchiami
sono tuo
mestoli bastoni fuoco e vetro
guardati indietro
Come vuoi che mi uccida? Quanto ottusa può essere un'anima?
Non posso più fare a gara
per mostrarti chi ha torto
non vedi che non serve a nulla punire?
Sempre un flusso impossibilitato a scorrere spontaneo
spruzzerà fuori da qualche altra parte
e perso per perso diventa perverso
Redenzione, peccato, confessione
Perversione!
Giusto, sbagliato, un peccato bruciato
e mandato all'Inferno
e perché? Pensi che basti questo piccolo perché?
Non vuoi sentire tutti i miei perché?
Molto più grandi e profondi
farebbero precipitare la tua vita dal terzo piano
in un overdose di bicchieri rotti
e inutili sforzi
nell'angoscia di incubi irreali.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Dolce Sorriso il 18/12/2009 12:38
    favvero bella
    piaciuta
  • Anonimo il 15/12/2009 17:41
    Educazione... ti conforti sapere che Nietzsche ha detto: I grandi maestri sono stati liquidati e la morale dell'uomo comune ha trionfato. Ecco l'educazione! Ciao... bravo.
  • Anonimo il 10/12/2009 23:29
    Piaciuta.
  • Jurjevic Marina il 10/12/2009 22:34
    Devo punirmi da solo?
    Come vuoi che mi uccida?
    Lentamente, per darti l'illusione di non esserne colpevole?
    Dio Simone, mi hai buttato giù con questa poesia. Bellissima. Ma mi ha fatto un male al cuore, che non so come buttar fuori.
  • Anna G. Mormina il 10/12/2009 14:13
    ... la vita è una 'ruota',... saremo criticati e criticheremo...
    ... bravissimo Simone, come sempre!
  • virginia marcelloni il 10/12/2009 10:28
    !!!!... piaciuta molto
  • loretta margherita citarei il 10/12/2009 08:24
    molto profonda, bei concetti espressi, piaciuta